Ruby-ter, Berlusconi chiude i rubinetti: niente più stipendio alle olgettine.


RUBY: DALLE RAGAZZE DI MILANO AI PARTICOLARI DELLE FESTEE’ UNA VERGOGNA!!!! SCIOPERO GENERALE, SCENDIAMO TUTTI IN PIAZZA A FIANCO DELLE ORGETTINE!
RITROVO SABATO POMERIGGIO IN P.ZZA DEL POPOLO A ROMA ORE 15.
PARTECIPIAMO NUMEROSI!!!!
I PULLMAN PARTIRANNO DA MILANO SABATO ALLE ORE 24 AL PREZZO, PROLETARIO, DI 600 EURO.
100 PER IL VIAGGIO ED IL RESTO DA VERSARE ALLE ORGETTINE PER SOLIDARIETA’.
PER PRENOTARE CITOFONARE SUSY.

Balotelli, l’elettore di Berlusconi ed il motivo per cui l’Italia non cambierà mai. Colpa degli italiani.


imagesBalotelli sclera, come al solito, e prende tre giornate di squalifica. Essere grandi calciatori non significa necessariamente connettere il cervello per certa gente.
Non entro nel merito di quello che è successo, nel senso che l’arbitro abbia le sue ragioni oppure le abbia Balotelli, le regole che si è dato il mondo del calcio sono queste e se non stanno bene basta rinunciare a 4 o 5 milioni all’anno, anche di più.
Il punto è un altro ed è la reazione del tifoso che è pari se non superiore alla logica che guida l’elettore di Berlusconi.
Ecco qualche commento preso da Giornalettismo: E su Twitter si asfalta Mario Balotelli.
Solito e squalifica di con il prima della … Spiegatemi queste strane coincidenze.
Molto casualmente danno 3 giornate a facendoli saltare proprio la partita con la . Che strano.
Non metto i nomi dei commentatori per non infierire.
Non li sfiora nemmeno che super Mario sia fuori di testa, di una presunzione infinita che lo ha convinto di poter dire e  fare tutto quello che vuole, come vuole e quando vuole.
O più semplicemente un campione un po’ troppo coglione, no. Le tre giornate le hanno date per non farlo giocare contro la Juve.
E’ la stessa filosofia dell’elettore del piduista pregiudicato. L’elettore in questione è convinto dell’innocenza del pregiudicato e non viene nemmeno sfiorato dall’idea che il suo capo abbia commesso reati, una collana di reati, ma che sia vittima della Magistratura che si sostituisce alla politica per farlo fuori.
Il problema non è Balotelli come non è Berlusconi, il problema dell’Italia è l’italiano, gli italiani.
Se questa è la logica, da sottosviluppati mentali, non possiamo aspettarci di più.
Quello che abbiamo è già tanto, troppo.

Napolitano non lo sa che in Italia c’è un pregiudicato, pure prescritto con leggi ad personam, che attacca la magistratura da più di vent’anni.


berlusconi_napolitanoNapolitano invita alla sobrietà la Magistratura infierendo un colpo letale alla Giustizia ed alla Costituzione, all’uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge.
Il monito di Napolitano ai magistrati diventa una giustificazione dei reati dei quali si è macchiato il pregiudicato in oltre 3 decenni di frodi, ruberie, evasioni, corruzioni e di attacchi frontali ai magistrati, certamente quelli che non è riuscito a corrompere ed a comprarne le sentenze.
Il modo in cui ha truffato la Marchesina Casati, in combutta con Cesare Previti tutore della Marchesina, il quale invece di curare gli interessi della sua assistita ha fatto gli interessi dello spregiudicato imprenditore che già allora si muoveva al di fuori della legge, dell’etica e della morale.

Così ha comprato la villa di Arcore

Prima e dopo questa vicenda si è sempre mosso al limite e fuori dalla legge e dalle regole corrompendo giunte comunali, magistrati, testimoni e quant’altro sempre rifiutando le sentenze di qualsiasi grado fossero.
Entrato in politica, con 7000 miliardi di lire di debiti e per non finire in galera, si è distinto per le leggi ad personam che lo hanno salvato da 3 o 4 condanne certe, è diventato il prescritto più prescritto del mondo superando persino l’Inter.
L’elenco dei testimoni a libro paga è infinito e va dall’avv. Mills alle orgettine come le sentenze a suo favore ottenute con la corruzione dei giudici.
Nonostante ciò, le prescrizioni, le prove, le condanne definitive da oltre un ventennio ha lanciato sui suoi giornali la campagna del fango contro i magistrati appoggiato dai suoi pitoni e dalle sue pitonesse a libro paga.
Non credo che Napolitano abbia inteso rivolgersi al giudice Raimondo Mesiano con il suo invito alla sobrietà. Camicia, pantalone blu, mocassino bianco e calzino turchese. Di quelli che in tribunale non è proprio il caso di sfoggiare”. ano alludesse ai calzini turchesi del giudice che, in effetti,  stonano come ha fatto notare il Tg5.
Purtroppo Napolitano ha invitato alla sobrietà i magistrati ma non ha profferito una parola in merito alla spudoratezza, alla tracontanza, al disprezzo della Giustizia e della Costituzione da parte di un piduista pregiudicato tutt’ora sotto processo ed in attesa di altre condanne che da tre decenni sputa sulla Magistratura e su tutti noi.
Non credo che Napolitano abbia fatto un’affermazione del genere per leggerezza e quindi ritengo che mantenerlo al colle sia un pericolo per la nostra democrazia.
Strano che la maggioranza dei giornali non abbiano messo in risalto l’interpretazione che hanno dato del messaggio di Napolitano i falchi, le pitonesse, i lacchè del piduista pregiudicato.
Che la P2 abbia raggiunto il suo scopo?
L’ha superato, oltre ogni previsione.

Sarebbe la prima volta che in Italia non si salterebbe sul carro del vincitore, falchi e colombe che giurano fedeltà al pregiudicato perdente.


berlusconi-pistolaGli scrivono lettere che sono autentiche ammissioni della mancanza di una bussola che li guidi alla scelta giusta che garantisca la, loro, sopravvivenza.
Di affidarsi alla morale, all’etica, ovviamente non se ne parla. Dopo vent’anni di morale ed etica calpestata non sanno più nemmeno cosa siano, che cosa significa avere un’etica.
La prostituzione etica e morale che hanno esercitato per amore del potere, di una poltrona o anche solo dell’apparire li ha resi disumani e senza vergogna riescono a guardarsi allo specchio senza sputarsi addosso.
I loro familiari non li aiutano. Viziati dai privilegi garantiti dalla prostituzione ideale dei loro congiunti non ci pensano nemmeno a renderli consapevoli e quindi a vergognarsi di tutto ciò che hanno finto di credere
in questo ventennio.
Dal piduista vittima della giustizia alla nipotina di Mubarak, dai giuramenti sulla testa dei figli all’utilizzazione finale di prostitute a sua insaputa rendendosi ridicoli agli occhi del mondo esclusi una decina di milioni di suoi elettori.
Forse sono anche meno ma sono sempre troppi, anche un centinaio sarebbe troppo ed un’offesa all’intelligenza.
Negli anni 70 la pistola la teneva a portata di mano, non è dato sapere perchè anche se lo si può intuire dopotutto lo stalliera mafioso non era così affidabile. Oggi ha puntato la pistola contro il governo, alle 9 la punta alla tempia di Letta alle 13 la mette nel cassetto. Non sa più cosa fare.
Eppure se facesse la mossa giusta, la puntasse nel posto giusto, farebbe un piacere a tutti quelli che non lo hanno votato, che sono state vittime del suo delirio di onnipotenza grazie ad una maggioranza di italiani che per un ventennio ci ha reso succubi di un piduista bandito che era già impresentabile come politico ben prima di essere condannato.
Cercate su internet informazioni sulla sua storia di piduista e di cavaliere del lavoro. Solo la storia della villa di Arcore è più che sufficente per renderlo politicamente impresentabile e per interdirlo dai pubblici uffici, togliergli il diritto di voto.
I suoi fedelissimi, che si dividono in falchi e colombe, gli giurano eterna vicinanza, fedeltà assoluta. Sarebbe la prima volta che gli italiani, alcuni, si rifiutano di salire sul carro del vincitore ed a prima vista sembrerebbe una scelta decorosa se non fosse per il fatto che non esiste un vincitore ma solo un popolo di perdenti che, ancora oggi, non trova dentro di se abbastanza dignità per ribellarsi.
Ciò che avviene in questi giorni in giunta ed altrove è indecente come è indecente la tolleranza che abbiamo avuto nell’ultimo ventennio.
Temo che gli italiani “giusti” siano ancora minoranza, tutti gli altri sono in attesa di capire da che parte conviene stare.
Avete presente quando nel giro di un mattino milioni di persone hanno buttato la camicia nera e sono diventati antifascisti?
Forse ho più rispetto per chi, per coerenza, è rimasto fedele al duce ed ad un ideale sbagliato come il fascismo.
Questi fanno ancora più schifo.
Si parla molto della pitonessa ma di serpenti che ingoiano tutto ce ne sono a centinaia.
Vi ricordate quando Paniz e la sua maggioranza credettero alle parole del puttaniere, quando fece ridere il mondo intero, dicendo che Ruby era la nipote di Mubarak?
Ecco, quello era un caso dove non era una pitonessa ad ingoiare un coniglio, che stando alla battuta finale sarebbe anche logico, ma centinaia di pitoni che hanno ingoiato qualsiasi cosa sprezzanti del ridicolo.
La stessa cosa che hanno fatto i milioni di italiani che li hanno votati.
La Giunta ha la slitta, resta da sapere quanto è lunga la discesa.

Il Giornale: Marina per il riscatto di noi donne. Già pronto il kit per il riscatto. Una statuetta di Priapo, un calippo ed un palo della lap dance per ogni donna. Del Pdl o forza Italia 2.


imagesCredo che il titolo l’abbia suggerito la signora Garnero al suo compagno, previa autorizzazione della Biancofiore, anche se il riscatto delle donne del Pdl è già avvenuto da tempo in tribunale e fuori dal tribunale.
Bonifici garantiti per le testimoni a discarico del pedofilo confessati tranquillamente ai giudici mentre fuori dal tribunale c’erano le pasionarie della De Filippi, rigorosamente over 70/75 anni.
Il riscatto delle donne dell’esercito di Silvio è miseramente fallito alla notizia della sentenza, ci hanno messo mezz’ora per rendersi conto che non era il caso di cantare vittoria.
E che dire delle orgettine che hanno affidato il loro riscatto di donne al palo della lap dance, usurato, della villa di Arcore?
Oggi a Roma ci sarà la manifestazione dei fedelissimi della tessera P2 N° 1816.
Non è dato di sapere se ci sarà anche Gelli ma sono certo che se sarà impossibilitato manderà un cappuccio di solidarietà.
Silvio, ce l’abbiamo fatta, l’Italia è in mano alla P2 o sotto ricatto, la sostanza non cambia.
Tutti in piazza con la bandiera ed il calippo per il riscatto delle “nostre” donne.
Buona giornata.

Domanda per i suoi elettori e per la dirigenza del Pd: In quale Paese al mondo è permesso ad un condannato di mandare un video messaggio anticostituzionale ed antidemocratico?


indexIl Giornale titola che sono stati condannati 10 milioni di elettori più uno, l’unto dal signore che già che c’era poteva ungerlo di catrame, bollente. Mi chiedo se questa gente non abbia vergogna di se o se sono tutti Feltri e feltrini nemmeno buoni per le sedie.
Lui è l’indecenza per antonomasia ma loro sono più indecenti di lui.
Nessuna ragione di Stato può legittimare uno schifo del genere in nome di un governo che non rispetta i cittadini e gli elettori è come se ci governasse Gelli direttamente che tutto può avere ma non il rispetto della democrazia e della Costituzione.
E’ altrettanto indecente la posizione opportunista di Letta e Napolitano tendente  a conservare lo status quo in nome di un governo che spaccia gli interessi di un uomo solo per interessi di un intero Paese.
Noi non abbiamo nessun interesse da salvaguardare a queste condizioni, noi abbiamo tutto l’interesse che questo schifo termini il più presto possibile anche perché è durato più del fascismo.
Non è possibile, in democrazia, che un intero Paese sia paralizzato attorno all’interesse di un piduista, corrotto, corruttore, prescritto, depenalizzato, inquisito, pedofilo, puttaniere e FINALMENTE condannato anche se con il paracadute.
Abbiamo bisogno di un sussulto etico degli italiani che facciano pulizia di questo letamaio etico e morale.
Altrimenti è la conferma che non siamo più una democrazia ma  un regime della Propaganda2.

Lo svuota carceri. Fai come Napolitano, adotta un condannato. Di lusso.


r-BERLUSCONI-NAPOLITANO-hugeLe nostre carceri sono piene di giovani che si sono fatti una canna, molti malavitosi incalliti e qualche sfigato di lusso che ha sbagliato avvocati e tanti immigrati messi fuori legge dalla Bossi-Fini.
La Cancellieri dice che una piccola amnistia gioverebbe al sistema carcerario sovraffollato e Napolitano ha proposto, con l’esempio, una soluzione che potrebbe aiutare a risolvere il problema.
Adotta un condannato anche tu, è il nome dell’iniziativa, e se tutti noi partecipassimo in una settimana si risolverebbe il problema delle carceri.
Napolitano ha subito adottato il suo condannato fregandomi l’idea, in effetti avrei voluto adottarlo io perché è uno sempre allegro che avrebbe potuto organizzare delle festa in casa mia portando un sacco di ragazze per farci divertire.
A me, di adottabile, è rimasto solo il trota, suo padre, Penati , Fiorito.
Spero solo che mi lascino adottare Tarantini o La Vitola in modo da movimentare le mie serate adesso che finisce anche la Confederation Cup 2013.
Non ho la vettura scoperta, per farci salutare dai fans, ma si viaggia bene anche con la Musa.
Sempre meglio essere adottati che andare in galera.
Ieri sera è uscito pure un comunicato.
COMUNICATO del QUIRINALE, IMPORTANTE.
Napolitano ha comunicato il nuovo orario estivo per le visite al Quirinale.
I condannati, gli inquisiti, i mafiosi, i camorristi e gli ‘ndranghetisti verranno ricevuto tutti i mercoledi alle ore 18,30.
Si raccomanda di prenotare perchè c’è sempre il solito paraculo che riesce ad infiltrarsi prima degli altri.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: