Ho sempre pensato che un ladro finito in carcere sia un poveretto, abiti in ringhiera, sia il classico emarginato. Forse deviato dal cinema ma certe immagini, ammetto, che mi danno fastidio. Ma sono io che sbaglio, che penso male.


20080316130632!I_soliti_ignoti_3Ho guardato per pochi minuti Servizio Pubblico ed ho visto il servizio sul carcere di Poggioreale. Tralascio il problema carceri in se, esiste ed è inutile nasconderlo, sono da sempre convinto che il poveretto paga, nel senso che va in galera,  e chi ha i soldi no, o almeno succede raramente.
Non voglio fare il fenomeno, il garantista ad ogni costo, anche se attraverso radio Popolare, mi pare che la trasmissione si chiami Radio Carcere, ho avuto modo di seguire le vicissitudini dei carcerati di Opera o S. Vittore e dei loro familiari ed ho conosciuto storie di rivincita ma anche di emarginazione.
Ed allora che cosa mi ha infastidito? E se mi ha infastidito ho dei buoni motivi oppure il problema è nella mia testa?
Alludo al fatto che il carcerato povero, l’escluso dalla società, quello delle periferie o delle borgate l’ho sempre immaginato con le scarpe rotte ed i pantaloni usurati oltre misura o con la giacca di recupero sempre troppo stretta.
La fila dei parenti, mogli, fidanzate, compagne era lunga fuori dal carcere di Poggioreale ma non so perchè, come mai, il mio sguardo è stato attirato dai particolari che, forse, mi hanno portato fuori strada.
C’erano gli alimenti, probabilmente il rancio fa schifo ed è comprensibile, ma quello che la mia mente rifiuta è il parente con il telefonino, l’iphone, gli anelli al dito che magari sono bigiotteria intendiamoci, i capelli freschi di parrucchiera o di tinta fatta in casa, il vestito alla moda. Le mani, le unghie, avevano lo smalto come quello delle presenzialiste nelle trasmissioni Rai o Mediaset.
Una sola aveva un leggero cenno di crescita nei capelli.
Come sono lontani gli anni 50, 60, dove i poveri erano veramente poveri e con i proventi dei furti si comprava da mangiare o le scarpe, certamente non l’iphone di ultimo grido anche se a mercato nero.
Insomma non so come rendere l’idea ma se quella gente la togli dall’entrata del carcere e la porti in una piazza qualsiasi del centro di Napoli o di Milano tutto possono sembrare ma non dei familiari di poveracci costretti al furto o a spacciare per sopravvivere.
E’ una sensazione strana, la mia, e certamente sbagliata anche se faccio fatica a scacciarla.
Prendiamo Chi l’ha visto? Non lo guardo da anni ma lo guarda mia moglie e c’è una cosa che mi ha sorpreso sin dalle prime puntate.
Spesso parlano di situazioni gravi, disperate, di problemi economici o sentimentali. Si fanno collegamenti in diretta con le case degli interessati e mai una volta che un collegamento sia stato fatto da una casa di ringhiera, dai bassi di Napoli, da una baracca sotto le autostrade di Milano. Sempre da case dignitose, in modo particolare dalle cucine di queste case. Cucine che, sono certo, molti di noi possono solo sognare.
Non so perchè quando si parla di miseria, di povertà, di emarginazione i veri emarginati non si vedano mai.
Non so come dire. Confermo che certamente sono io che vedo le cose nel modo sbagliato, ma vedere sfrattati, emarginati, disoccupati, dimenticati, ultimi, che manifestano con la moto a 4 cilindri, l’auto con il telecomando, le unghie laccate, i capelli tinti perfettamente e l’iphone ultimo grido mi da un leggero fastidio.
Per esporre il mio pensiero più che lo scritto servirebbe un film, un documentario per rendere visibile quello che penso,
ma so a malapena scrivere figuriamoci fare un video da mettere su Youtube.
Chiaro che tutti abbiamo diritto al decoro, alla qualità della vita, ma uno che non ne ha non ne ha.
Chi è costretto a rubare per vivere me lo immagino sempre come Capannelle mentre mangia il minestrone. Sarebbe impensabile un Capannelle moderno senza minestrone ma con l’iphone.

Annunci

Quando è finito il Pci non ho preso più una tessera di partito. Mi sono chiamato fuori ed osservo dall’esterno, ho sempre ragione anche se non ho mai vinto. Non mi sono sporcato le mani ed ho fatto come La Malfa, la Cassandra. Sono specialista in ve l’avevo detto, senza controprova.


imagesUno degli argomenti usati dal M5S nei commenti ai miei post per convincermi che loro strategia è vincente era citarmi la Sicilia, un siciliano mi ha scritto: io vivo in Sicilia e ti posso confermare che il M5S sta facendo benissimo.
L’avevo già letto sui giornali, abbassamento delle retribuzioni, eliminazione delle province e così via…
Ogni cosa degna e giusta che veniva fatta in Sicilia era merito del M5S, Crocetta non contava e non esisteva era il M5S al potere, senza responsabilità perchè è un potere ad ore, che dava l’esempio di buon governo.
E’ come avere una moglie ad ore che non ti tradirà mai perchè, anche se lo facesse, lo farebbe dopo le ore concordate e quindi non sarebbe un tradimento ma un elemento di stabilità e di chiarezza.
In quel momento non toccava a te, era un extra ore.
Non so cosa sia successo, forse non mi interessa nemmeno, ma perchè gridare all’inciucio ogni volta che non viene condiviso un loro punto di vista quando sono loro i primi ad aver dichiarato: voteremo caso per caso se saremo d’accordo.
Se ne deduce che se sono d’accordo i grillini la cosa è degna e giusta, conveniente e salutare, se non sono d’accordo, non condiviso, non gli piace diventa subito l’ INCIUCIO.
La parola magica di Grillo, Travaglio e di tutti i giornalisti di moda.
Mi pare ci fosse una canzone , bellissima, che aveva un verso che diceva così:
non posso dire di averti persa perchè non ti ho mai avuta.
Io sono insieme ad una donna da 42 anni e la regola è una sola: stare insieme finchè la va e senza farsi venire l’ernia e rispettarsi ma non si può stare insieme solo quando tutto va bene o si condividono al 100% le stronzate che si fanno.
Solo nelle storie d’amore come quella tra Silvio e Francesca esiste la perfezione, nemmeno Romeo e Giulietta, Paolo e Francesca ci riuscirono, finì male.
Come ho scritto nel titolo dopo la sparizione del Pci non  i sono più impegnato in prima persona, ascolto, mi informo, osservo, ma mi impegno solo quando sono convito del tutto come nel caso di Pisapia a Milano.
Da allora ho, quasi, sempre ragione non ne sbaglio una. Non me ne vanto e non potrei nemmeno farlo per il semplice fatto che non conto niente, uno vale uno solo per me. Me lo dico da solo quando sono d’accordo con me stesso.
Ogni tanto, giusto per fare il fenomeno, lancio delle previsioni puntualmente azzeccate ma non è merito mio perchè mi limito a tirare le somme di quello che i partiti, i movimenti, dicono. Miscelo il tutto con la considerazione che ho degli italiani che vanno a votare ed ecco che nasce la previsione.
La maggioranza degli italiani quando c’è da fare una scelta, o di qui o di là, restano sempre nel mezzo o sospesi, mai che spingano da un parte o dall’altra in modo deciso.
Io uso solo il mixer, dire che faccio il cuoco sarebbe troppo perchè so fare bene solo i risotti, il risultato, la previsione vengono fuori da soli.
Come questo post che ho scritto prima delle elezioni quando si dava il Pd vincente il Pdl sconfitto ed il M5S marginale, insomma nessuno dava per finito il bipolarismo che piace tanto a Veltroni e Berlusconi.
E’ del 20 aprile, prima delle elezioni, non ho fatto nessun inciucio e nessuno mi ha dettato la linea è farina del mio sacco ma non va bene per impastare una pizza politica, che possa essere mangiata da tutti.

Abbiate pazienza, ancora pochi giorni e poi cambierà tutto. Saremo tutti colpiti dalla paralisi di un paese che non sa dove andare e si illude per l’ennesima volta che ci sia un salvatore della Patria.

Ha ricevuto solo 6 voti, pochi per i miei post e sapete perchè?
La verità fa male, riconoscerla ancora di più.
Ho 64 anni conosco i miei polli, d’allevamento, e so che l’italiano medio è un conservatore non vuole mai scegliere tra due carte, perchè vorrebbe dire partire, cambiare, rischiare. Minimo ne vuole tre, per stare fermo.
Sto parlando dell’italiano medio, del politico medio perchè gli altri, i corrotti, i ladri, i criminali, i venduti fanno parte di un altro mondo che tutti dobbiamo combattere, possibilmente insieme.
Ma ricordate che non si può stare insieme ad ore,  secondo se mi conviene o no, oppure stare insieme solo quando si condivide perchè le uniche cose che dobbiamo condividere sono: Costituzione, Democrazia, Antifascismo. Io ci metterei anche anticapitalismo ma non si può e quindi sono consapevole che all’interno dei tre pilastri da condividere ci sono molte opinioni diverse ed è con queste che noi ci dobbiamo confrontare, non con le questioni di principio e non con i sogni.
In modo particolare quello più pericoloso, darsi da fare solo quando avremo oltre il 50%.
Buona giornata a tutti dal metro svizzero della democrazia, della partecipazione e dell’ottimismo.
Io non sono come gli americani che hanno solo certezze, tra i buoni ed i cattivi non hanno dubbi, i buoni sono loro. Io ho solo dubbi e quel che è peggio diffido di chi ha solo certezze.
Buona giornata.
P.S. C’è chi grida all’inciucio, chi si chiama fuori, chi si sente deluso dai propri eletti, chi è contento dei propri eletti come il Pdl. Chi ha vinto ma non vuole giocare nel campo prestabilito dalla Costituzione e chi crede di aver vinto ma non conta un cazzo perchè non è nemmeno d’accordo con se stesso.
L’avevo detto che sarebbe stata paralisi, siamo sulla sedia a rotelle senza nessuno che ci spinga, dobbiamo fare da soli.

La nostra Costituzione prevede che un governo per andare in carica debba avere la fiducia sia alla Camera che al Senato. Esaminiamo la situazione per vedere chi gioca allo sfascio e per conto di chi.


imagesPrima ipotesi: Governo Pd e M5S, si possono votare provvedimenti immediati, condivisi, presi direttamente dal programma del M5S.
Pare che Grillo, che non è nemmeno un eletto ed ha la pretesa di andare da Napolitano insieme a Casaleggio, sia contrario come ha precisato nel suo post di ieri.
Seconda ipotesi: governissimo Pdl-Pd. Non se se qualcuno da una parte e dall’altra stia lavorando a questa ipotesi e se fosse così il Pd alle prossime elezioni andrebbe all’1,02%.
Dunque dobbbiamo chiederci da questa paralisi chi sarebbe a guadagnarci. Cerca e ricerca chi ci troviamo che ha tutto da guadagnare dalla paralisi?
Il piduista, corruttore, pedofilo e puttaniere.
Se Grillo si oppone ad una maggioranza di programma con il Pd saltano due leggi fondamentali: la legge elettorale e la legge sul confilitto di interessi.
Ci sono altre cose importanti, ma le valuteremo cammin facendo.
Chi ci guadagnerebbe da questa situazione? Il cavaliere piduista.
Per una volta che il Pd è senza alibi ed avrebbe i numeri per una legge sul conflitto di interessi grazie al M5S chi sarebbe il salvatore del culo di Berlusconi?
Datevi una risposta.
Se facessero un governissimo Pdl-Pd secondo voi farebbero la legge e lettorale e quella sul conflitto di interessi?
NO.
Se il Pdl avesse voluto farle avrebbe potuto permettere a Monti di farle, così non è stato.
Il Pd era sotto ricatto del Pdl; dal 2008 in poi e prima ha perso la faccia ed il treno perchè non l’ha fatta.
Sarebbe sotto ricatto anche nel governissimo.
Chi ci guadagnerebbe da questa situazione? Il piduista, corruttore, puttaniere, pedofilo.
Guarda caso.
Resta solo ua domanda che dobbiamo porci: chi sta lavorando per salvare testa d’asfalto?
Perchè un conto sono le parole, dissacranti contro testa d’asfalto, un altro sono i fatti che se sono questi equivalgono al salvataggio di Berlusconi da parte del M5S.
Non credo che la base sia d’accordo. Dopo decenni che si da la colpa al Pd, grazie alla presunzione ed all’incapacità dei suoi dirigenti, ci troveremmo a scoprire che, sotto-sotto, a salvare testa d’asfalto è il suo amico giurato.
Beppe Grillo.
Altre maggioranze, al Senato, non sono percorribili quindi la paralisi farebbe solo l’interesse del piduista.
A meno che il tutto avvenga senza che i dirigenti di Pd e del M5S non ne siano consapevoli.
Quelli del Pdl lo sono certamente, ci è arrivato anche Alfano istruito da Silvio e Mavalà.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: