La notizia che in Italia c’è un regime anticostituzionale è passata in secondo piano, non se la fila nessuno. E pensare che la fonte è certa, è il capitalismo che lo dice.


C_4_articolo_2023447_upiImageppIl 27 gennaio è uscita la notizia, su tutti i giornali, data da Bankitalia: Il 10% degli italiani possiede il 50% della ricchezza nazionale.
Ce lo dice il capitalismo stesso, la banca D’Italia, che noi viviamo in un regime anticostituzionale perchè i nostri Padri Costituenti, di tutti i partiti,  hanno inserito l’art. 53 nella Costituzione che recita: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”.
Ora, prendo atto che il comunismo è sconfitto, il socialismo pure ma mai come oggi avremmo bisogno di comunismo o di un socialismo che non sia socialdemocratico, invaso dal capitalismo.
Se tanto mi da tanto in base alla nostra Costituzione il suddetto 10% di nostri connazionali dovrebbero versare il 50% di tutte le imposte statali, regionali, comunali esistenti nel nostro Paese.
Per i leghisti, che sono un po’ tardi, il 50% dell’ Imu, Tares, Tarsi e tutte le diavolerie che lo Stato impone per garantirci dei servizi che non è un grado di garantire.
Mentre risulta, perchè ci sono le carte che parlano, che l’87% delle imposte viene da lavoratori dipendenti e pensionati.
Mentre noi stiamo discutendo dei vari problemi individualmente e quindi lasciamo a se stessi tutti i più deboli in balia del destino baro e crudele, si continua a vivere in un Paese dominato da un regime economico anticostituzionale che non ha niente di democratico.
Ci sono parlamentari eletti che non sanno nemmeno che la nostra è una Repubblica parlamentare e si rivolge al Capo dello Stato dandogli del boia come se fosse un re o una repubblica presidenziale.

La repubblica parlamentare è un sistema politico o forma di governo, appartenente alla forme di democrazia rappresentativa, in cui la rappresentanza democratica della volontà popolare è demandata, tipicamente tramite elezioni politiche, al parlamento e ai suoi membri che in quanto tale elegge con modalità differenti sia il governo che il presidente. Tuttavia vi sono repubbliche parlamentari in cui il presidente è eletto direttamente a suffragio universale.

Il presidente ha una funzione di garanzia verso le parti politiche e di rappresentanza dell’unità nazionale, perciò usualmente non ha forti poteri di influenza politica sulle istituzioni.

Il parlamento si rapporta con il governo tramite il voto di fiducia: in questo modo esso ha perennemente il controllo sull’agire dell’esecutivo con possibilità di revocarlo e nominarne un altro.

Il giudizio sull’operato di una certa maggioranza parlamentare e del suo governo viene quindi espresso dai cittadini solo tramite il rinnovo dell’assemblea legislativa, diversamente da quanto avviene nelle repubbliche presidenziali.

Tale forma di governo è quella attualmente dominante in Europa.
Se qualcuno ha qualcosa da ridire in merito alla politica delle istituzioni si deve rivolgere alle istituzioni stesse, ai suoi colleghi di Parlamento.
In mezzo a questo polverone inutile destinato solo ad alimentare un populismo d’assalto che invece di portare democrazia porterà alla guerra civile tra poveri, senza liberarne alcuno, l’unica battaglia che gli italiani dovrebbero fare, possibilmente insieme ai parlamentari onesti, sarebbe quella di ripristinare la Democrazia e la Costituzione in questo paese dominato dalla finanza parassita che è la forza del capitalismo mondiale che opprime i popoli.
La colpa, ancora una volta, è la nostra che assistiamo indifferenti allo sfascio istituzionale e democratico nonostante sia il capitale stesso a darci la notizia che siamo in un regime.
Mussolini non ha mai ammesso di avere imposto la dittatura il Capitalismo ce lo comunica cosciente del fatto che la maggioranza di noi non se ne rende nemmeno conto.

Bankitalia: “Il 10% degli italiani
ha la metà della ricchezza del Paese”

Questa è la notizia che avrebbe dovuto dare il via alla rivoluzione, il resto sono chiacchiere.
I dati sulla ricchezza nazionale venivano studiati dal Pci e ci si organizzava per difender l’art. 53 della Costituzione ed è per questo che l’Europa e gli Usa hanno impedito che il Pci andasse al governo, era solo una questione di soldi e di potere non di Democrazia.
Oggi il sistema capitalistico finanziario e parassita è accettato da tutti, in primis la massa del popolino che si compra l’auto a rate, ed il capitalista non si occupa più di fabbriche, produzione. Non crea posti di lavoro ma investe in debiti di Stato che i cittadini sono costretti a pagare dal sistema politico complice e responsabile della mancanza di equità progressiva.
Se non risolveremo questo problema non saremo mai liberi in un Paese libero e democratico.
IL documento della Banca d’Italia è un documento ufficiale, non ce l’ha detto Mao, Stalin, Chavez, Che Guevara ecc.ecc.
Ce l’hanno detto loro e si scompiscierando dalle risate.
Una risata ci seppellirà, la loro.

7 Risposte

  1. Questa volta sono d’accordo con te. Non lo sono stato quasi mai nelle precedenti occasioni in cui ti ho letto. Ma proprio perchè sono d’accordo sull’argomento che hai postato voglio evidenziare il fatto che in questi giorni M5S sta facendo una dura opposizione al fatto che il Parlamento sta deliberando ulteriori regali al sistema finanziario (l’origine di tutti i mali), il PD non solo appoggia questo “regalo” ma, insieme alla stampa e alla TV, denuncia il M5S stesso come “la forza politica che vuol far pagare l’IMU ai cittadini”. Con questi rappresentanti in Parlamento non riusciremo MAI ad andare nella direzione da te auspicata

    • Credo che in parlamento non ci sia nessuno che voglia andare nella mia direzione.
      Certamente non il Pd. Per quanto riguarda il M5S credo che la linea sia un po’ confusa, una botta al chiodo ed una alla botte.
      Non mi sento rappresentato da nessuno.

      • 7,5 miliardi alle banche.
        Voto blindato dalla tagliola.
        Sinistra? Non pervenuta.
        Mandarli a casa è doveroso.
        Cancellieri.
        Shalabajeva.
        Renzi condannato che parla col pregiudicato.
        Slot machine.
        Imu e iva.
        Mandarli a casa è doveroso.
        Il mes sta arrivando inesorabile.
        Nessuno dice nulla.
        Sovranità monetaria scippata.
        Mandiamoli a casa slasch.
        Poi voto chi vuoi tu.
        Facciamo tabula rasa.
        Non c’è il bambino nell acqua sporca.

      • Farò il possibile, quando ci saranno le lelezioni ti dirò il mio voto.

      • Non c’è nulla di umano nella stampa in questo paese.
        Servi docili e obbedienti, evidentemente impelagati anche loro negli affari dei loro padroni.
        Immagina che il tuo partito che voti da anni arrivi a 9 milioni di voti.
        E che in tv si senta la sua voce, la tua voce, per pochi secondi al giorno mentre i tuoo avversari denigrano e insultano, mistificano e disinformano.
        Sii onesto slasch, e dimmi se ti starebbe bene.
        Solo per questo motivo m5s sarebbe da votare a occhi chiusi.
        Non fare battute sull ultima frase.
        Immagina quello che ho detto e pensa se capitasse ai tuoi ideali.
        È vergognoso.
        Se è vero che siamo voci libere abbiamo il dovere di urlare contro queste schifezze da regime criminale e fascista.
        Dobbiamo cacciarli slasch.
        Possiamo farlo.
        Poi, dopo la legge parlamento pulito voto chi vuoi tu.
        Promesso!
        Andrea

      • Mi sa che dobbiamo fondare un movimento, un partito, noi… Condivido molto di quello che scrivi ma non trovo chi mi rappresenta.
        Forse è un problema mio visto che da quando voto sono sempre finito all’opposizione.

  2. io devo confessarle che sono comunque molto preoccupato dalla situazione di governo…con la cosiddetta sinistra,e la cosiddetta destra che se ne vanno a braccetto….i nostri padri costituenti non avevano nemmeno osato immaginare una cosa del genere quando hanno scritto la costituzione…se fà due conti può facilmente capire che hanno anche i numeri per cambiarla a loro piacimento….mi sà che quando(e se) ci saranno le elezioni,le toccherà tapparsi il naso e votare m5s(o non votare,come ho fatto per tanti anni)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: