Leggo che parecchi politici auspicano che al Quirinale venga eletta una donna, ieri l’ha detto anche Fini. Io vedrei bene la Brambilla rappresenterebbe al meglio nel mondo che tipi siano gli italiani.


brambilla2_blogjob
Per come ha ridotto l’Italia il berlusconismo penso che la Brambilla sia la degna rappresentante, la sintesi dell’italiano medio, la maggioranza silenziosa che governa il Paese dalla liberazione in poi.
Un po’ xenofoba, un po’ razzista ma amante degli animali, un po’ bigotta ma frequentatrice dei viali, timorata di Dio ma peccatrice.
L’Italia dovrebbe cambiare il suo emblema, obsoleto, caratterizzato da tre elementi: la stella, la ruota dentata, i rami di ulivo e di quercia e sostituirlo con Giano Bifronte.

Il ramo di ulivo simboleggia la volontà di pace della nazione, sia nel senso della concordia interna che della fratellanza internazionale.
Il ramo di quercia che chiude a destra l’emblema, incarna la forza e la dignità del popolo italiano. Entrambi, poi, sono espressione delle specie più tipiche del nostro patrimonio arboreo.
La ruota dentata d’acciaio, simbolo dell’attività lavorativa, traduce il primo articolo della Carta Costituzionale: “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”.
La stella è uno degli oggetti più antichi del nostro patrimonio iconografico ed è sempre stata associata alla personificazione dell’Italia, sul cui capo essa splende raggiante. Così fu rappresentata nell’iconografia del Risorgimento e così comparve, fino al 1890, nel grande stemma del Regno unitario (il famoso stellone); la stella caratterizzò, poi, la prima onorificenza repubblicana della ricostruzione, la Stella della Solidarietà Italiana e ancora oggi indica l’appartenenza alle Forze Armate del nostro Paese.

Noi italiani siamo tutti un po’ Giano Bifronte, viviamo con la doppia personalità dalle cose più banali alle scelte di fondo come la religione e la Democrazia, la politica.
Se lasciamo la nostra auto in divieto si sosta è accettabile, non c’era posto, se la lascia un altro è un rompicoglioni , dovrebbero dargli la multa e portargli via la macchina.
Accusiamo gli evasori ma non didegniamo un po’ di nero, se la figlia del vicino rientra alle tre di notte è certamente un po’ zoccola se lo fa nostra figlia è una con la testa sulle spalle.
Il nostro è un Paese dove per la maggioranza silenziosa e conservatrice il matrimonio, la famiglia, è sacra.
Partecipano al Family Day anche se sono divorziati o vanno regolarmente a puttane, siamo il paese degli utilizzatori finali.
Viviamo a spanne. Intransigenti con gli altri, specialmente se immigrati, di manica larga con noi stessi e la nostra famiglia.
Se in classe con nostro figlio c’è un violento va punito e sospeso, se viene sospeso nostro figlio andiamo a scuola e picchiamo i professori. Come si sono permessi?
Io penso che l’italiano medio sia rappresentato da una signora del mio quartiere, dalla sua filosofia che la dice tutta sul nostro modo di pensare.
Un mattino ero giù con Lulù ed ho visto la signora in questione uscire dal box con la sua auto , una scena allucinante, che spiega più di molte ricerche sociologiche la nostra filosofia.
La sua auto era contromano ed è questo fatto che ha attirato la mia attenzione, mi sono avvicinato per avvisarla ma non ho fatto in tempo, la signora si è fatta il segno della croce ed è partita come un razzo.
Noi siamo il popolo innocente, la colpa è sempre degli altri.  Nessuno è in grado, o merita, di rappresentarci ed è per questo che protestiamo, non votiamo, ci dividiamo su ogni cazzata perchè noi siamo i duri e puri e ci fa schifo tutto perchè in fondo gli unici che meritano di rappresentarci siamo noi stessi.
Purtroppo non raggiungiamo mai il quorum.
Siamo talmente puri ed innocenti da non sentirci liberi se non lo sono anche gli altri, non abbiamo diritti se i diritti non sono di tutti. Spacchiamo il capello in due, troviamo la pagliuzza nell’occhio di chiunque e quindi ci dividiamo. Siamo coscienti che nessuno è in grado di governare da solo purchè non si governi con Monti, con il M5S, anche se in questo caso è il M5S che si chiama fuori. Non va bene neppure Ingroia e la specialità della casa, alludo all’opposizione al berlusconismo, è la lotta intestina.
Non cerchiamo di valorizzare quello che ci unisce ed esaltiamo quello che ci divide.
Noi siamo quelli dalla doppia morale, fatta la morale ad un metro la nostra vale 70 centimetri quella degli altri 30.
Siamo femministi con un ma, anche più di uno. Siamo contro la violenza e poi andiamo a casa a picchiare i figli.
Facciamo il tifo per la Guardia di Finanza che incastra i commercianti di Cortina ma non chiediamo mai lo scontrino. Siamo un popolo che ha in se stesso il peggior nemico, ragioniamo con la pancia e non utilizziamo il cervello. Io penso addirittura che parecchi di noi ragionano con l’intestino, pensa e produce stronzate.
Per questo ritengo che la Brambilla sia la più adatta a rappresentarci  al Quirinale.
Femministi, ma conservatori, ritengo che la Brambilla sia il miglior esempio di testa coda della donna-femmina, che rappresenta anche il testa coda dell’uomo-maschio.
Anche Lulù, la mia cagnolina, è femmina ma è innocente e non può aspirare al Quirinale, non saremmo degni di essere rappresentati da lei.
Quando anche noi avremo una logica, un’etica di tipo protestante, nel senso di integerrima, senza nessun alibi di confessione-assoluzione, potremmo considerarci un popolo civile.
Ce la farà “il più grande piazzista del mondo” (la definizione è di Montanelli) a recuperare almeno in parte i voti perduti?
Io penso di no, ma incrocio le dita, siamo un popolo di promesse ma pochi fatti.
Per la Michela un consiglio, cambi le calze prima di salire al Quirinale.

Annunci

11 Risposte

  1. A me la BRAMBILLA piace, Anche le campagne animaliste che combatte sono di mio gradimento, è certo che ognuno fa quello che puo’ e sa.
    Non la potrei votare in queste elezioni, perchè Silvio è fuggito dal ruolo che aveva, o meglio ci ha barattati per il processo MILS.

  2. bravo, non c’e altro da dire, è uno dei tuoi articoli più lucido e da pugno nello stomaco.
    complimenti
    ciao
    ornella

    • Grazie, pare che non sia molto compresa l’ironia e la satira che contiene. Forse devo essere più esplicito, inserire dei commenti tra parentesi.
      Ciao.

  3. passano gli anni ma i tuoi post rimangono sempre tra i miei preferiti …
    un saluto da un vecio splinderiano
    Joe

  4. […] timorata di Dio ma peccatrice. L’Italia dovrebbe cambiare Continua a leggere la notizia: Leggo che parecchi politici auspicano che al Quirinale venga eletta una donna, ieri l’ha detto… Fonte: […]

  5. Ottimo articolo … l’Italiano ? … Un Uomo Piccolo, Piccolo, Piccolo … un po’ scanzonato alla Sordi, un po’ serio alla Rossellini, ma pur sempre l’immagine dello stereotipo di Italiano che è stato pubblicizzato e venduto per vero fuori dall’Italia.
    Per quanto mi riguarda non lo condivido, l’immagine della maggioranza degli Italiani sono ben altra cosa …
    E’ l’immagine un po’ fuori moda del lavoratore, operaio o contadino, che torna stanco la sera a casa e non certo sfavillante come certe pubblicità vogliono farci credere …
    è l’immagine ormai obsoleta di chi senza lavoro si sente frustrato e venderebbe l’anima per tornare a casa stanco la sera …
    è l’immagine della serietà, rettitudine e integrità di mio padre …
    è l’immagine di quella maggioranza di Italiani che dopo oltre 150 anni si stanno chiedendo ancora perchè ad ogni elezione devono disperdere i loro voti in un rivolo di inutili partiti che gli impediscono di fatto di governare il paese …
    è l’immagine di quella maggioranza che sta ancora chiedendosi perchè, se una volta siamo riusciti a governare, mille piccoli personalismi e insignificanti disaccordi, ci hanno rimandato nel ghetto da cui ci eravamo affrancati, permettendo nuovamente alla minoranza opportunista e conservatrice di riprendersi quel potere che gli era stato tolto.
    L’immagine dell’Italiano medio vera è quella dei milioni di lavoratori, pensionati, disoccupati, cassaintegrati e ragazzi precari che lottano ogni giorno, politicamente e socialmente, per il lavoro e il diritto ad una vita dignitosa, per un’immagine dell’Italia che non è quella della “Dolce Vita”, ma quella molto più seria della quotidianità ordinaria, seria, allegra e a volte scanzonata, ma pur sempre mille anni lontano da quella volutamente falsata dal cinema, dalla televisione e dalla pubblicità, che fanno della menzogna il filo trainante delle loro immagini.
    Se avrai modo di scendere un po’ in fondo, tra i milioni di persone che compongono questa maggioranza, troverai un’Italia ben diversa da come la dipingono, fatta di impegno, sacrifici, serietà e integrità morale ben lontana dagli stereotipi che hai descritto.
    Caio

    • Ho vissuto per decenni immerso negli italiani migliori, non pretendo che tu legga tutto il mio blog per vederne la testimonianza, solo che adesso siamo minoranza. Il mio post descrive la maggioranza silenziosa che per mezzo secolo ha votato Dc e che adesso vota direttamente la P2 ed i leghisti.
      Ciao e grazie del commento.

    • & Tizio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: