Non è mai esistito un varietà con due primedonne, la Wanda Osiris scendeva le scale da sola, intorno aveva solo i boys. Grillo e Santoro non possono scendere dalla scala insieme, rotolerebbero.


Si farebbero lo sgambetto uno con l’altro, finendo per far ridere tutti ed in modo particolare quelli che li hanno sempre seguiti ma con un certo distacco, con freddezza, per una naturale diffidenza verso i salvatori della patria, specialmente quelli che si presentano da soli, come unici.
L’ Italia c’è caduta con Mussolini, non c’ero ma mi hanno informato, e dopo la liberazione abbiamo preso il gusto della democrazia, scegliere i nostri leader.
L’ ultimo leader che io ho seguito, che avrei seguito anche ad occhi chiusi è stato Berlinguer che ho avuto l’onore di conoscere, ascoltare e vedere da vicino tanti anni fa a Sesto San Giovanni.
Berlinguer era un leader talmente grande da far sentire protagonisti anche noi, tapini, anzi sembrava che lui avesse bisogno di noi e non noi di lui.
Coinvolgente ed illuminante nelle sue analisi ha sempre tenuto presente la massa, l’ultimo della massa, il rispetto per l’ultimo analfabeta e dell’avversario.
Quando uno ha la cortesia di ascoltare le cazzate dell’ultimo dei pirla che vuole fare la rivoluzione, senza una smorfia, uno sbuffo, anzi guardandoti negli occhi per farti capire che ti stava ascoltando ” attentamente”, con rispetto.
Il coglione che voleva fare la rivoluzione ero io, e nessuno mi ha mai rispettato tanto come Lui, mi ha pure risposto e spiegato il ragionamento ed ancora adesso, che sono adulto se non vecchio, me lo ricordo ancora.
Non mi sono pentito della mia figura da povero pirla, più che da rivoluzionario alla Che Guevara, ed è grazie a lui che ho potuto migliorare e diventare consapevole.
La critica all’avversario era sul piano sociale e politico, mai direttamente sulla persona, per farti una idea su Andreotti ci dovevi arrivare attraverso l’analisi delle sue azioni, non perchè Berlinguer l’ha deriso o offeso.
Per questo non ho mai perdonato a Craxi quando ha permesso ai suoi compari di fischiarlo al congresso del Partito Socialista, un atteggiamento che poi ha fatto scuola.
Si, perchè Santoro ne ha per tutti, anche per l’operaio che a Servizio Pubblico si è permesso di criticare la trasmissione per le tante chiacchiere e le poche proposte. Le chiacchiere servono a fare audience, Grillo e le sue sparate servivano per alzare gli ascolti, è stato viziato, coccolato, accudito Grillo sia da Santoro che da Travaglio.
Sia Santoro che Travaglio sono pieni di sè, Santoro lo è per Dna, è un capo nato che nella sua infinita bontà democratica ti concede anche un tuo spazio, purchè porti fieno alla cascina   dei suoi ascolti.
Intendiamoci, sempre meglio di niente, ma trovo anomalo che in tanti anni tutti abbiano sbagliato sempre tutto, sa fare televisione e sa fare ascolti, ha pure avanzato la sua candidatura in Rai, resta da verificare se far bene televisione sia fare bene informazione. Non ascolti, fatturato, informazione.
Travaglio è uno che la sua stima l’ha coltivata nel tempo con il nostro aiuto, personalmente avrò speso più di 300 euro per comprare i suoi libri, altamente presuntuoso e con un difetto, per me, insopportabile, quanto ti da la mano è flaccida, tre dita, come per non prendere la lebbra.
Dato che certamente non è un grande timido, danno la mano quasi ritraendola, è dell’altra categoria, viscido, sfuggente.
Grillo, Beppe è stato un grande comico, in modo particolare quando gli scrivevano i testi e cito un solo autore, che vale per tutti, Michele Serra.
Poi con la fama, l’esilio dalla Tv, la scoperta del web e della politica ha perso la testa, si crede la migliore ciliegia del cesto e si permette non di esprimere le sue opinioni, avanzare le sue proposte, ma di emettere giudizi e che non la pensa come lui, non lo adula abbastanza è soggetto di scomunica.
Come una papessa isterica, lancia strali e fulmini dal suo blog.
Poi si scopre che ha un burattinaio, uno che gli cura l’immagine ed anche le idee, uno che lo sovraespone ma che detta la linea, diciamo un Richelieu del web con un progetto ben preciso.
Comunque era ovvio che chi lo aveva aiutato ad emergere politicamente, Santoro, l’avrebbe fatto finchè non gli avrebbe fatto ombra, non avrebbe mai permesso che la nuova primadonna scendesse le scale insieme a lui.
Ieri sera le ha suonate al Grillo presuntuoso ed ingrato e vedrete che da ora in poi verrà spulciato anche lui come un Bersani qualsiasi.
Di cose su Grillo il buon Santoro ne sa più di noi, ne sentiremo delle belle perchè tutto fa audience e fatturato, una cosa è certa perchè ce l’ha detto la storia, la Wanda la scala la scendeva da sola, attorniata dai boys di contorno.
Domanda per gli appassionati del genere, quale sarà la primadonna che scenderà le scale da sola nel tripudio generale? Lo vedremo con il tempo.
Vauro ha detto una cosa che condivido pienamente con lui, diffidare dei salvatori della patria.
Giannino diceva, portano lo zuccherino al cavallo ma si portano via il cavallo.
Giannino era un mio collega che passava per matto, invece era saggio ed astuto.
La battuta del Giannino era riferita al fratello. Giannino era single ed aveva 50 anni, viveva con i suoi e li accudiva, entrambi ultra ottantenni, il fratello furbo ogni tanto si degnava di andarli a trovare e sembrava facesse tutto lui. Una volta spariva un orologio a cipolla d’oro ed antico, una volta un vassoio d’argento d’epoca. Qualche volta scroccava pure dei soldi contando sul fatto che il Giannino non c’era tanto con la testa.
Ma Giannino c’era, eccome se c’era, ed alla mia domanda: ma tuo fratello non ti da una mano con i tuoi vecchi?
Mi rispose così: lu, in milanese,  porta lo zuccherino al cavallo ma si porta via il cavallo.
Così sono i salvatori della Patria.

Annunci

5 Risposte

  1. […] caduta con Mussolini, non c’ero ma mi hanno informato, e… Continua a leggere la notizia: Non è mai esistito un varietà con due primedonne, la Wanda Osiris scendeva le scale da sola, intor… Fonte: […]

  2. […] Non è mai esistito un varietà con due primedonne, la Wanda Osiris scendeva le scale da sola, intor… […]

  3. […] Non è mai esistito un varietà con due primedonne, la Wanda Osiris scendeva le scale da sola, intor… […]

  4. […] Non è mai esistito un varietà con due primedonne, la Wanda Osiris scendeva le scale da sola, intor… […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: