Perchè un uomo, che dice tante cose giuste ed intelligenti, finisce per screditarsi da solo per megalomania. Eccesso di protagonismo.


Perchè un santone abbia credito il primo a crederci deve essere lui e lui non ha dubbi, è il migliore, l’unico.
Non butto via tutto quello che dice, anzi ne faccio tesoro, mi aggiorna e mi informa ma il resto, il frutto della sua megalomania, lo butto via.
Bersani ha detto: A Parma si è schierato a favore del Movimento 5 stelle chi ha portato al fallimento la città.
Difficile che Bersani ne dica una giusta per il semplice fatto che è sempre in equilibrio tra l’anima democristiana e quella comunista del suo partito mentre io sono per il centralismo democratico, i circoli, le sezioni, votano una mozione, una linea  e si porta avanti quella vincente, chi non ci sta’, come la Binetti, Rutelli e compagnia bella si accomodi pure.
Questa volta l’ha detta giusta, lapalissiana, una considerazione che poteva fare benissimo il grande Catalano di Quelli della notte.
Naturalmente Grillo non ha fatto rispondere alla considerazione di Bersani, sacrosanta, al candidato del Movimento di Parma, gli avrebbe fatto ombra come Del Piero ad Andrea Agnelli ed ha risposto lui, o chi per lui non sappiamo ancora chi gestisce quel blog, con queste righe: «Le indicazioni di voto da parte dei partiti per i ballottaggi, con la pretesa che le seguano, sono un insulto agli elettori. Sembra che il voto appartenga ai partiti, non ai cittadini. L’usucapione del voto non è ancora prevista per legge. Bersani si rassegni. I voti al M5S sono voti di cittadini liberi. I partiti sono morti, la loro voce arriva dall’oltretomba».
Se così fosse Grillo avrebbe dovuto rivolgersi a chi ha dato indicazione di votare il suo candidato, il Pdl nella fattispecie, arriverà pure dall’oltretomba la loro voce visti gli ultimi risultati che hanno ottenuto loro e la lega, ma lui non l’ha rifiutata ed ha invitato Bersani a rassegnarsi, fortunatamente ci ha risparmiato la battuta del Pd meno elle, almeno questa volta ce la siamo risparmiata.
Comunque ha puntato Bersani ma non ha rifiutato la gentile offerta dei pidiellini, forse perchè fa rima con grillini. E’ una battuta, non offendetevi come sempre.
I voti del Movimento 5 stelle sono voti di cittadini liberi, se ne deduce che i voti agli altri partiti non sono di cittadini liberi, aggiungerei sani di mente, visto che solo gli elettori del M5S sono liberi, con il marchio Doc.
Che il voto sia espressione di liberi cittadini l’ho sempre pensato, so, sappiamo, che in certe parti del Paese non è proprio così nel senso che il voto è fortemente condizionato da mafie, clientele ed opportunismi vari ma, in linea di massima il voto è libero anche quello di un fascista o di un leghista.
Questo, la democrazia, non la dobbiamo al Movimento 5 stelle, non l’ha inventata Grillo, la dobbiamo alla Resistenza ed alla lotta di liberazione dal fascismo.
L’ hanno fatta talmente bene che hanno pensato di scriverci pure la Costituzione sui principi di libertà e democrazia, siamo talmente liberi che hanno potuto risorgere i fascisti, nascere i leghisti, governare la P2 e visto sorgere il Movimento 5 stelle.
Tutto ciò è dovuto al voto dei cittadini liberi, anche i 18 anni, e più, di berlusconismo lo dobbiamo ai cittadini liberi e Grillo invece di fare la prova finestra ai voti del movimento, avrebbe dovuto rifiutare l’appoggio peloso di chi ha portato Parma al fallimento.
Forse, pur di passare alla storia, è disposto ad accettare i voti del Pdl non sarebbe abbastanza ma sarebbe una bella botta per la sua autostima e la sua megalomania.
Ne è talmente dipendente che non gli basta mai.
Peccato perchè il 60% di quello che dice è giusto ma lui è come il dottor Jekyll e mister Hyde, comincia il comizio, lo spettacolo, come dott. Jekyll e lo finisce sempre come mister Hyde.
Questo è il problema, che il voto sia libero lo hanno dimostrato le elezioni di 15 giorni fa.
I voti al Movimento 5 stelle sono arrivati da tutte le parti, sinistra compresa, in primis dall’antipolitica figlia dell’ultimo ventennio, il resto dalla protesta, resta da capire come mai pensano di risolvere un problema politico con l’antipolitica, ma questo è un altro discorso, lo vedremo dopo che saranno andati al governo in qualche città e dovranno confrontarsi con i problemi reali e non limitarsi alla denuncia ed alla critica.
Io, purtroppo, penso che non risolveremo mai il problema finchè il mondo sarà governato dalla finanza, destra, sinistra o avanti ed oltre che sia, come il movimento, avranno sempre a che fare con la finanza speculatrice e parassita.
Attendo fiducioso, ovviamente, ma resto convinto che il problema primario che abbiamo, fermo restando che ruberie, sprechi, corruzione vanno combattute anche con la galera, sia il governo politico mondiale in mano all’economia capitalistica parassita.
Sarò anche fissato, ma io la vedo così. Bersani invece pensa di poterla condizionare, farla diventare più umana, ma un parassita non ha niente di umano.
Detto questo un movimento sinceramente democratico dovrebbe lasciare parlare e decidere i suoi rappresentanti, anche chi spara cazzate a raffica come quello di Milano, non può essere sempre lui a scomunicare e dettare la linea. Non è democrazia.
P.S. Lo so anch’io che sentire la Finocchiaro che dice: l’abbiamo fatto perchè ce l’ha chiesto il governo, fa cadere le braccia anche ad una statua. Lo so senza che me lo faccia notare Travaglio o Grillo, anche se li leggo sempre volentieri.
Grecia, i deputati nazisti entrano in Parlamento al passo dell’oca.
Non c’ero, fortunatamente, ma mi sembra qualcosa di già visto, vissuto.

Annunci

4 Risposte

  1. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. […] ha detto: A Parma si è schierato a favore del Movimento… Continua a leggere la notizia: Perchè un uomo, che dice tante cose giuste ed intelligenti, finisce per screditarsi da solo per meg… Fonte: […]

  3. Ciao Slasch. Credo, a mio modesto parere, che quanto affermato da Grillo o chi per lui, non sia rivolto solamente a Bersani. Questi, in particolare, non si lascia sfuggire occasione per criticare Movimento e Grillo, accusarli di antipolitica e lo sappiamo. Tuttavia, se invece di “criticare” ci facesse sapere che cosa vuol fare, lui ed i suoi candidati, per il futuro, sarebbe cosa molto più gradita e, soprattutto, interessante. Se prendesse posizioni su temi cruciali nel nostro Paese, invece di nascondersi dietro i “sobri” tecnici, sarebbe molto più apprezzato. Se invece di perdere tempo a sponsorizzare la sua “candidatura” a premier del centrosinistra per il prossimo anno, cercasse di unire a “sinistra” senza guardare agli ex DC di piercasinando, ne gioverebbe tutta la sinistra. Se invece di parlare di “antipolica” si convincesse che il Movimento è “anti” questi politici, di cui non andare fieri, sarebbe la soluzione.

    Comunque, Bersani coglie la palla al volo, le dichiarazioni di alcuni Pdl rivolte ai loro presunti elettori (ma che è? un recinto di pecore a cui indicare la strada per il pascolo?) per muovere la sua ennesima, francamente stupida, accusa al Movimento.

    La risposta è “Le indicazioni di voto da parte dei partiti per i ballottaggi, con la pretesa che le seguano, sono un insulto agli elettori. Sembra che il voto appartenga ai partiti, non ai cittadini…” concludendo “Si rassegni Bersani”.

    Ma non è solo Bersani l’obiettivo! Anche quei tipi del Pdl, ovvero coloro che hanno dato “indicazioni di voto”, sono destinatari di quel messaggi, proprio perché Grillo afferma “le indicazioni di voto dei partiti… sono un insulto agli elettori”!

    Questo, per quanto mi riguarda, cambia sensibilmente l’analisi di tutta la questione. Poi, è indiscusso che il Movimento stia rastrellando voti a destra ed a manca… ma questa è una prerogativa di molti italiani che una volta votano giallo e una volta verde o, meglio ancora, per il miglior offerente e non del Movimento che, se tu lo segui come affermi, chiede tutt’altro ai suoi sostenitori. Tipo “partecipare attivamente”.

    • Temo che il Pd sia schiavo delle sue anime e quindi paralizzato, nel momento in dui avremmo bisogno di una politica forte siamo in mano alle mezze seghe.
      Resta il nodo del capitalismo finanziario parassita, chi lo sbroglierà?
      Nel sud America ci sono riusciti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: