La Grecia muore per mano della Merkel, ma la Germania deve 70 miliardi di euro alla Grecia per danni di guerra.


Che la Grecia sia stata governata dalla destra ladrona simile alla nostra è fuori discussione, non so se hanno anche la mafia ma certamente in fatto di evasori non hanno niente da invidiare all’Italia, sarebbe una lotta tra campioni del mondo.
Detto questo il ricatto che la Merkel ed i suoi sottoposti europei impongono alla Grecia è odioso ed inaccettabile se consideriamo che i debito di guerra della Germania ammontano a 70 miliardi di euro che salverebbero il Paese.
Ovvio che una volta incassato il dovuto, ad oltre 60 anni dalla guerra, i greci dovrebbero darsi una regolata in modo particolare sull’economia e la politica.
Pare che ad aprile in Grecia ci siano le elezioni ed è oltremodo preoccupante che i sondaggi diano la destra, ladrona e colpevole del disastro, in vantaggio sulla sinistra.
E’ evidente che, pur con tutta la solidarietà al popolo greco per la situazione disperata, i greci hanno qualche problema di comprensione  sulle responsabilità della politica di destra che li ha portati al massacro.
E’ un po’ quello che succede da noi, la politica non è più credibile ed il qualunquismo populista fa perdere la bussola al popolo, non ragionano più ed è un gioco al massacro che diventa puro autolesionismo per le fasce più povere della popolazione.
Spero che in Grecia gli intellettuali e le forze sinceramente democratiche, anche della borghesia, siano in grado di rimettere in piedi un minimo di pensiero comune ed antifascista.
La paura del futuro non deve spaventare al punto di mandare al governo i responsabili della catastrofe.
Me lo auguro per la Grecia e me lo auguro per noi, anche qui la svolta a destra, nonostante gli ultimi 18 anni di ladrocini e ruberie, non è per niente scongiurata.
Nervi saldi e sangue freddo, altrimenti è la fine per noi e per loro.
Giorgios Papandreu quando va a Bruxelles non può ricordare il debito dei tedeschi verso la Grecia davanti al parlamento europeo?
Sono 70 miliardi di euro che salverebbero il Paese.
Come scrivo e ripeto da qualche mese la Merkel è riuscita dove ha fallito Hitler, ha fatto la grande Germania con l’economia e senza carri armati. Detta la linea a tutta Europa.

I debiti di Berlino salverebbero Atene

Annunci

11 Risposte

  1. senti, io non sono una qualunquista e tantomeno populista, avevo più o meno 20 anni negli anni settanta, e mi sono fatta tutte le manifestazioni di piazza di quegli anni, da quelle sindacali per i contratti a quelle della sinistra extraparlamentare compresa.
    questo è per chiarire da che parte sto, ma oggi sono in difficoltà, io la bussola non la perdo ma l’ha persa la sinistra.
    non mi sente rappresentata in questo parlamento, di indagati di managgioni che la politica la interpretano a livello personale e non per il bene di tutti (sono li per farsi i c….i loro, e credimi non è populismo)
    ma se dovessimo andare a votare domani tu chi voti? (dimmi come la pensi)
    ciao
    ornella

    • Io mi sono adattato al voto opportunista il meno peggio e cerco di non buttare il voto dove andrà perso. Astenermi non riesco per rispetto a chi ha dato la vita per permettermi di votare, lo faccio per loro, i Partigiani.
      Per il resto dopo il Pci ho votato Rifondazione e mi sono trovato in lista la Maiolo, adesso voto Pd che è un misto di sinistra e di cattolici che non sono ospiti come gli indipendenti del Pci, ma fanno parte integrante del partito. Non è il massimo ma è l’unico modo di salvaguardare il peso del voto, la sinistra storica si è divisa in rivoli che si stanno prosciugando.
      A Milano ho votato Pisapia, se fossi a Genova voterei il figlio del compagno che ha vinto le primarie.
      Qui non si tratta di avere ragione o essere soddisfatti si tratta di difendere la democrazia, in attesa di cambiare politica.
      Ciao.

  2. Se hai ragione e sei fuori dal parlamento devi riflettere, Gramsci parlava di unità oggi si parla di differenze. Con i presupposti di oggi la Resistenza non sarebbe mai nata, dobbiamo farla con chi c’è non con quelli che vorremmo ma non ci sono.

  3. […] europei impongono alla Grecia è odioso ed inaccettabile… Continua a leggere la notizia: La Grecia muore per mano della Merkel, ma la Germania deve 70 miliardi di euro alla Grecia per danni… Fonte: […]

  4. Reblogged this on nottebuiasenzaluna and commented:
    da leggere per ampliare le riflessioni e capire che siamo in guerra. ma la morte non arriv acon il piombo. nella nostra civiltà in cui si vuole che tutto si asenza sangue, oggi si muore di fame. non volgiamo il piombo e il sangue, questo ci fa orrore, ma abbiamo già dimenticato , perchè lontana, l’orrore delle nostre guerre.

  5. Diciamo che la conclusione del tuo articolo, l’unica parte condivisibile, non sia stata per la prima volta segnalata da te, come puoi vedere sul canale di politica del mio spazio YouTube: http://www.yuotube.com/fbartolom/
    Quanto al resto, francamente come possa la sinistra risolvere i probemi con il debito, quando i problemi esisziali per la nostra economia, come l’articolo 18 oppure il trattemento retributivo per la pensione, per finire con l’abrogazione delal norma che avrebbe dovuto levare dalel grinfie degli amministratori le municpializzate, sono state portate avanti proprio dalla sinistra o sotto impulso della stessa.
    Siccome è meglio concentrarsi sull’attual enemico comune, segnalo il gruppo: http://www.facebook.com/groups/boycottGermany/ che cerca di risolvere il problema.

    • Scrivo nel blog dal 2007 senza aver mai visto il tuo spazio su You Tube.
      Quanto al resto il fallimento del capitalismo finanziario parassita globale è sotto gli occhi di tutti e pensare di risolvere la questione aumentando lo sfruttamento e togliendo i diritti significa tornare indietro di 100 anni. Ciò detto non significa che il disegno reazionario fallisca, purtroppo il popolino quando gira male va a destra.
      E’ già successo nel 29 e non solo.

      • Il capitalismo non ha niente a che fare con destra o sinistra. Semmai la carenza di controlli anti-trust su tutta la situazione è dovuta al tipico atteggiamento ingenuo della sinistra – si vedano da noi le privatizzazioni di Telecom, AST, Nuovo Pignone, Cirio e compagnia piangente.
        Quello che si rischia, come troverai nel canale che non hai ancora visto ed al quale proprio ora, connessione permettendo, sto aggiungendo un capitolo decisivo, è che in luogo di un sistema democratico ci possiamo trovare di fronte ad una svolta autoritaria e ad una riedizione dopo quasi 100 anni di eventi gi visti – a parte ovviamente la disponibilità di ordigni nucleari.

  6. E’ quello che temo anch’io, un regime autoritario e senza nemmeno bisogno di carri armati, di guerre. Attraverso la fame e la schiavitù.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: