Vietnam. Va bene che Murdoch è fascista, ma il documentario su Sky è un insulto all’intelligenza umana, all’Uomo.


Ho visto su Sky on demand un documentario di 83 sul Vietnam, la guerra come non l’avete mai conosciuta raccontata da che c’è stato.
Sky on demand è bello perchè non c’è nessuna interruzione, lo puoi registrare e rivedere senza pubblicità ed io sono stato attirato dal titolo perchè nel 1975 avevo 26 anni e festeggiai insieme a tutto il mondo democratico la vittoria di Ho Chi Minh.
Il Vietnam ha influito molto nelle mie scelte ideali e la guerra la seguivo dal 1970 anche se è cominciata nel 1964. Ovviamente non mi aspettavo un documentario alla Apocaliss now, ma nemmeno un delirio del genere.
Il documentario è in tre parti e, per adesso, ho visto la prima che va dal 1964 al 1969. Insieme a spezzono di girato originale ci sono degli spezzoni, secondo me, tratti da film ed è raccontato in prima persona da reduci ancora viventi e che sono rimasti esaltati come quando si sono arruolati per fare la guerra al comunismo e portare, con il napalm, la democrazia nel mondo.
Già il fatto che a distanza di tanti anni questi protagonisti non abbiano fatto una riflessione sui fatti ai quali hanno partecipato la dice lunga sulla destra americana, bianca e nera, che ha solo una certezza: tra  buoni e cattivi i buoni sono comunque e sempre loro.
L’unico momento di sincerità si riferisce al racconto, sempre di un reduce, di quando avevano qualche giorno di permesso, di libertà, dove hanno inquadrato delle bellissime ragazze vietnamite insieme a giovani soldati americani lasciando intuire che lì c’era la festa prima di tornare al massacro. Fiumi di alcol a disposizione per dimenticare quello che hanno visto, da protagonisti, e per trovare il coraggio per tornare allo sterminio di massa.
Per il momento di coca o di marijuana non ne hanno parlato, sappiamo che per affrontare la distruzione di interi villaggi e puntare la pistola alla testa di un ragazzo, una ragazza, ci vuole un coraggio sovrumano o una disperazione assoluta.
I vietnamiti si difendevano come potevano con la guerriglia e nascondevano la dinamite nei sacchi del riso in modo che quando gli americani davano l’assalto al villaggio, infilando la baionetta ovunque, saltassero per aria.
Per sentire parlare di napalm da uno dei protagonisti ho dovuto aspettare quasi un’ora di racconti epocali di eroi liberatori dal comunismo, come nelle Filippine dove hanno mantenuto un dittatore per decenni, insomma ancora una volta i bravi giovani americani si sacrificavano per la democrazia mondiale. La loro.
Il tipo che ha parlato per primo del napalm si è commosso ricordando due suoi compagni che sono morti colpiti dal fuoco amico, almeno questo l’ha riconosciuto, due bombardieri lanciavano le bombe al napalm ma il primo ha lanciato troppo presto ed ha bruciato vivi due ragazzi americani, fortunatamente il capo squadra è riuscito ad avvisare il secondo bombardiere che ha spostato la mira un po’ più avanti.
Groppo alla gola, foto degli amici in mano e la mente che torna indietro a quel momento, l’incubo della sua vita che non riesce a dimenticare.
Ricorda perfettamente che gli hanno ordinato di prendere uno dei due colpiti per le gambe per cercare di trarlo in salvo, la carne si staccava dalle ossa è la sua mano ha sentito direttamente le ossa dei piedi.
Credo veramente che sia una cosa atroce, che non si dimentica più, solo noi che non abbiamo visto e saputo abbastanza può dimenticare una guerra come quella del Vietnam dove uno dei due era immensamente più forte eppure ha perso.
Ci sono le conferenza stampa dei generali americani, autentici fanatici, che di menzogna in menzogna hanno fatto massacrare la gioventù americana imbottita di falsi ideali contro i comunisti convincendoli ad arruolarsi.
Ma c’erano anche quelli che hanno detto di no come Muhammad Ali (nato Cassius Marcellus Clay Jr.Louisville17 gennaio 1942) e anche quelli che manifestarono contro una guerra insensata.
Quando si parla di uomini, giovani, morti in guerra sappiamo che la differenza la fanno gli ideali, ci sono quelli sbagliati e quelli giusti e lo sappiamo bene  noi  con i giovani della Repubblica di Salò che qualche revisionista antico o neo fascista dell’ultima ora vuole equiparare ai giovani Partigiani che sono morti per la nostra Libertà e la nostra Democrazia, che non siamo nemmeno degni di meritare come popolo. Fortunatamente i martiri del fascismo e dei nazisti sono morti e non sapranno mai che popolo imbecille sarebbe venuto dopo il loro sacrificio che offende la loro memoria e che noi, immeritatamente, cerchiamo di tenere viva ogni anno che passa grazie all’Anpi ed a tantissimi sinceri democratici che ogni anno festeggiano e ricordano il 25 aprile.
Sono cose che mi emozionano, questi pensieri, e lo fanno ancora di più perchè come ho detto più volte i miei erano fascisti e dopo la guerra votavano Msi.
Non sto andando fuori strada perchè le stesse emozioni che provo io a parlare di Partigiani le provava il vecchio americano che raccontava del suo compagno bruciato dal napalm e forse tutti e due sprechiamo l’emozione nel modo sbagliato, lo dico con ironia, perchè il suo è certamente sbagliato.
Tanto strazio nel raccontare dell’orrenda fine del suo compagno di guerra e nessuna parola per lo sterminio con il napalm di bambini, giovani, donne ed anziani, interi villaggi bruciati, persone ed animali arsi vivi in pochi minuti e trasformando ciò che ne è rimasto in carcasse nere.
E’ questo che mi fa incazzare, è qui la differenza tra essere di destra o di sinistra, nel fatto che a distanza di 37 anni il sopravvissuto della democrazia Usa non sia in grado di fare una autocritica, di provare pietà per le vittime del suo operato e dei suoi compagni di battaglia.
Molti americani l’hanno fatto, tanti di quei giovani si sono sposati con una vietnamita, ma il documentario che Murdoch ha voluto mandare in onda nella sua tv satellitare è di un revisionismo agghiacciante che va oltre l’apologia del fascismo.
Questa non è nemmeno destra è fascismo e basta.
Noi dobbiamo ricordare la lotta del poplo vietnamita e guardare al Vietnam di oggi, ai milioni di chilometri di gallerie scavate sotto le montagne per combattere un nemico, infinitamente, più grande ed ai milioni di morti civili e militari, l’eroismo nostalgico della destra americana va combattuto subito e vanno messi i puntini sulle i.
Non dimentichiamo che non sono i comunisti di Ho Chi Minh che sono andati a New York, sono gli americani che sono andati in Vietnam.
C’è già troppa destra nel mondo, sia finanziaria che politica, sarà il caso che ci diamo una mossa e spieghiamo ai giovani come sono andate le cose.
 

Annunci

9 Risposte

  1. Resta sempre valida la battuta di G.Gaber: Gli Americani esportano la democrazia. Sono dei portatori sani di democrazia…

  2. Ciao Slasch. Non ho visto il documentario sulla guerra in Vietnam, di cui proponi questa interessante recensione ma, spesso, quelli trasmessi da history channel. Credo che molti tra i “reduci” di quella guerra non abbiano mai sopportato, e quindi metabolizzato, l’idea che erano andati a fare una guerra che, ad un certo punto, è stata oggetto di forti critiche e contestazioni, sia interne che a livello internazionale. Vuoi perché fossero partiti illusi di compiere la solita “crociata” contro il comunismo, vuoi per il forte spirito di corpo dei militari statunitensi che hanno assistito ad atroci stragi sia tra il popolo vietnamita che tra i loro commilitoni, coloro che tornarono subirono il trauma di una sconfitta e precipitosa fuga e l’onta dell’indignazione nazionale. E’ probabile, inoltre, che un certo spirito “anticomunista” non sia mai tramontato in America e, quindi, ecco spiegata la filosofia del documentario di Murdoch. Accade anche nel nostro Paese con il “fascismo” che nonostante le nefandezze compiute, è stato per molti “ex” un periodo da ricordare con nostalgia, fin dentro il Parlamento. Come giustamente fai notare, è necessario opporsi con decisione a queste operazioni di “revisione” storica, ricordando e ristabilendo le verità.

    • Come sempre dalle esperienze che la vita propone c’è chi si evolve ed impara e chi si rifiuta di riconoscere di avere sbagliato, obbligato tra l’altro. L’anticomunismo di questo tipo è viscerale, non solo in certi americani in buona fede, ma anche in certi banditi piduisti nostrani che vedono comunisti ovunque per imporre il loro regime culturale, riuscendoci perfettamente.
      Ciao.

  3. Il Vietnam resterà sempre e comunque una delle pagine più vergognose della storia americana. Non che quelle attuali non siano vergognose!
    Io non dimentico che un popolo di contadini mal nutriti e male armato è riuscito a vincere l’esercito più potente e bene armato del mondo!

    • Ho l’impressione che gli Usa abbiano imparato la lezione, si sono evoluti e mimetizzano le loro esportazioni di democrazia con qualche paravento, anche se ogni tanto si scopre che il trattamento, più o meno, che riservano ai destinatari della democrazia è sempre lo stesso.
      Bombe e chimica.

  4. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  5. Molto interessante il commento e anche molto lucido ma lo trovo di una innocenza agghiacciante !!!
    Che il comunismo sia un aberrazione non sono io ad affermarlo ma, grazie a dio, la storia.
    Sarei altrettanto pazzo a negare le stragi e gli orrori del Vietnam ma penso che tutto deve essere visto con i freddi occhi della storia.
    La storia del mondo ancora annovera alcuni blocchi di potere che si contendono l’influenza su varie aree del pianeta, ne dobbiamo prendere atto.
    Questi blocchi si collocano, con le varie sfumature, dal nero più profondo al rosso più acceso, “fuori concorso” fanno eccezione i regimi clericali ( che personalmente trovo una tragedia oltre che una minaccia reale all’intelligenza collettiva dell’uomo).
    Ma per tornare a noi pensate ad una Corea unita sotto l’egida del sistema politico della Corea del nord !!!!
    Purtroppo questo sistema ( il comunismo ) andava combattuto per fermare la sua espansione in attesa del suo crollo.
    Comunque non esistono guerre giuste, ogni conflitto ripete gli stessi identici errori dall’inizio della storia dell’umanità
    Estrapolare singoli eventi e fare l’analisi del singolo fotogramma non serve a niente se lo si isola dal contesto storico politico.
    Le relazioni tra gli stati, con le loro ideologie politiche e religiose, sono sempre rapporti di forza più o meno mascherati.
    Purtroppo ogni conflitto, nel contesto di questa guerra non dichiarata, ha una spiegazione più meno logica e colorarla di nero o di rosso serve a poco, si incappa in quella logica che a tutto si deve dare una appartenenza di destra o di sinistra una cattiva abitudine che tanto bene aveva ridicolizzato proprio Giorgio Gaber in un suo celebre brano.
    Il condizionamento delle varie lobby ha formato le menti delle moltitudini facendoci vedere una cosa invece di un’altra o peggio ancora assopire il ricordo di un evento e mettere in risalto un altro.
    Un esempio: c’è una giornata della memoria per gli eccidi dei campi di sterminio, tardivamente ci siamo anche ricordati anche degli italiani delle foibe, ma che dire del più grande eccidio mai perpetrato dall’umanità che meriterebbe non una giornata ma forse tre !!
    Venti milioni di neri strappati ai loro villaggi e venduti come schiavi con una stima di vittime di circa il 60% che configurerebbe la più grande perdita di patrimonio umano della storia con circa dodici milioni di esseri umani.
    Chi ne parla ? Cosa si fa per tenere a mente la cosa ?
    Certo l’umanità è perfettibile !!!!!!
    Quale la morale ? Difficile a dire, gli americani hanno sbagliato ad andare in Vietnam, ma se l’avessero fatto in Cambogia abbattendo i Kimer la cosa sarebbe stata accettata meglio ?
    Perché il mondo e l’America hanno abbandonato la Cecoslovacchia due volte nel ‘56 e poi nella primavera di Praga ? La democrazia va esportata o no ? Dovevano Francia e Inghilterra iniziare la guerra in Libia? Perché non si interviene in Siria, non valgono forse gli stessi principi che hanno animato l’intervento libico ??
    Io sono solo un uomo e non ho le risposte ma almeno sono cauto……
    Termino con il fatto che sono d’accordo che le cose vanno dette a chi oggi, senza aver vissuto gli eventi, si avvicina alla storia recente …………. ma cosa gli raccontiamo ????

    • Ho solo commentato un documentario, storico, decisamente di parte ed incompleto. Tu hai allargato la discussione a 360° ma non era questo che volevo fare.
      Una sola puntualizzazione, il comunismo ha 100 anni, poco più, rispetto al capitalismo è un infante e quando si è infante si commettono errori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: