I banchieri smettono, un attimo, di fare gli strozzini e si dedicano al cabaret. Raccontano barzellette, che non fanno ridere. Istigano alla rivolta.


Letta, fresca,fresca adesso, è di ieri ma io me l’ero persa:

I banchieri si difendono: “Inostri interventi per non strozzare il credito”

Questa è una delle barzellette più patetiche da quando esistono le banche, i banchieri e qualcosa ne so perchè mio fratello era un funzionario di banca.
Chiariamo subito che, nonostante il fratello funzionario, il mio concetto sulle banche è rimasto quello che mi ha trasmesso mio padre ed è molto sintetico: Le banche ti danno l’ombrello quando c’è il sole e te lo tolgono quando piove. Parole sante, da scolpire nel marmo.
L’unica cosa che ho è la casa e per comprarla ho fatto un mutuo con rata mensile, non bastasse questo ho dovuto accollarmi il mutuo dell’impresa costruttrice, semestrale, che per fortuna era di tre anni il mio invece ha fatto in tempo ad andare al liceo.
Ci credo che non strozzano il debito, quello rimane garantito, sano e forte grazie alle ipoteche ed alle garanzie che pretendono per farti credito, loro si limitano a strozzare il debitore ed il credito non lo toccano nemmeno con un fiore, come si dovrebbe fare anche con le donne.
Il mio mutuo, in anni di svalutazione galoppante e lo dico per quelli che rimpiangono la lira, se l’avessimo oggi pagheremmo il pane 40.000 lire al chilo, ha raggiunto anche cifre di 1.480.000 lire al mese fortunatamente, grazie ai consigli di mio fratello, l’ho fatto variabile e negli anni tra alti e bassi è sceso sino a sotto le 800.000 lire al mese. Grazie ai governi di centrosinistra ed alle loro finanziarie che ci hanno salvati dal fallimento, probabile, nel 1992. Se non ricordo male.
Ad ogni modo il credito che la banca mi ha elargito a tassi da usuraio era super garantito dall’ipoteca sulla casa, tenete presente che il mutuo che io ho chiesto era inferiore alla metà del costo totale della casa, ma l’ipoteca era su tutta.
Vado a memoria, la mia cultura è quella che è ma, la sostanza del ragionamento non cambia di una virgola. Esempio: per avere 80 milioni di mutuo ho dovuto ipotecare una casa da 200 milioni  e se non avessi pagato qualche rata, riducendomi anche le sigarette, la casa mi sarebbe stata sequestrata dalla banca ed io avrei perso tutte le rate precedenti.
Una settimana fa una mia conoscente si è recata in banca per chiedere un fido, ha una piccola attività commerciale, e si è presentata in banca con la madre che ha qualche soldo impegnato nella stessa banca.
L’impiegata ha chiesto di quanto avesse bisogno e la mia amica ha risposto: 10.000 euro. Che garanzie può dare, ha una casa sua, ecc.ecc. Ovviamente no, però la mamma ha dei soldi investiti in quella banca e potrebbero coprire interamente la cifra chiesta come fido. Risposta la mamma tira su 10.000 euro dai suoi investimenti e la banca avrebbe dato alla figlia un fido di 7.000, avete capito bene. Tanto vale che i 10.000 euro li dia direttamente alla figlia, cosa siamo venute in banca a fare?
Insomma questi strozzini di Stato, i banchieri , i manager dei soci, gli strozzini che hanno in mano l’economia nazionale e ci speculano sopra ci prendono anche in giro, no, non basta, per il culo.
Ci raccontano i loro interventi per non strozzare il credito, strozzano il debitore, colui che chiede il credito.
Per questo le banche devono diventare statali e tornare a fare il loro lavoro di sostegno all’economia produttiva, finchè resteranno in mano ai privati sosterranno solo le loro speculazioni ed i loro profitti azzannando pure il personale dipendente.
Una volta un funzionario, che era a contatto con il cliente magari da decenni, aveva un minimo di autonomia e ti faceva respirare salvando così tante piccole attività, aziende ed anche i loro dipendenti. Adesso le banche sono gestite da strozzini, manager piranha che agiscono per conto di investitori occulti che ragionano come la mafia, il dirigente non ha nessuna autonomia e se sfori di 20 euro ti telefonano a casa.
Non bastasse si vogliono farsi compatire e ci vogliono convincere di sforzarsi oltre ogni misura per non strozzare il credito.
Continuate tranquillamente a fare strozzinaggio, fate pure quello che vi riesce meglio e cioè i banditi, l’associazione a delinquere con abilitazione dello Stato, rovinate legalmente famiglie ed aziende e dove non arrivate voi mandate Equitalia.
Non fatevi venire l’ernia con i vostri sforzi per non strozzare il credito, prima che ci mettiate in conto anche l’operazione, fatemi un favore però: non rompete i coglioni, non li rompete a nessuno, state zitti, muti. Maledetti strozzini. 

Annunci

4 Risposte

  1. Ciao, Nat. Condivido anche le virgole di ciò che hai scritto. Ti confermo che sei più efficace quando la realtà la vedi, come oggi, con gli occhi di chi riesce ancora non ad indignarsi ma proprio ad incazzarsi come da un po’ succede non solo a te ed a me ma ad altri milioni di persone!

    • Caro amico, mi sembra sempre che l’indignazione sia poca , specialmente con questi farabutti che strozzano sia il paese che gli abitanti. La nuova monarchia, il nuovo feudalesimo.
      Buona serata. Qui nevica.

  2. […] nonostante il fratello funzionario, il mio concetto sulle… Continua a leggere la notizia: I banchieri smettono, un attimo, di fare gli strozzini e si dedicano al cabaret. Raccontano barzelle… Fonte: […]

  3. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: