Perchè la gente si allontana dalla politica. In principio fu mani pulite, poi nell’ordine, lega, pdl, Di Pietro e la propaganda, della P2, del sono tutti uguali.


-Ovvio che la prima botta contro il malaffare della politica, privato e di partito, sia stata quella di mani pulite. Lo sdegno fu totale e la delusione, specialmente nella sinistra comunista, fu notevole.
Non voglio qui analizzare chi rubava e perchè o il sistema delle mazzette che Bettino Craxi descrisse, molto bene , in parlamento anche perchè era un intenditore della prima ora, passò dal mariuolo individuale Mario Chiesa al costume generale dei partiti più veloce della luce.
Chi si giovò maggiormente dello sdegno popolare contro la politica fu l’unica associazione, segreta, che lavorava da anni allo scopo, la P2.
Nonostante la conquista di giornali come Il Corriere della sera, aveva ottenuto sino ad allora risultati solo sul piano economico, degli affari, ma il vero obiettivo era la conquista del potere economico e politico attraverso la disgregazione del tessuto sociale, seminare il disprezzo per la politica e creare il presupposto  per mandare avanti facce nuove, da presentare come politica pulita, che altri non erano che i suoi iscritti che da anni lavoravano nell’ombra per portare avanti il progetto, di conquista del potere e dello Stato, chiamato da Gelli Propaganda 2, la famosa loggia massonica segreta nata nata allo scopo.
Non dimentichiamo che le prove di gestione del potere la P2 le aveva già fatte, con successo in Argentina, diciamo che il software della P2 era già stato testato in Argentina con ottimi risultati.
Mani pulite operazione doverosa per il rispetto della legge e delle regole, fornì  in modo inconsapevole, sparigliando le carte e distruggendo i partiti l’arma migliore alla P2 per scendere in campo.
Da decenni la P2 lavorava nell’ombra coinvolgendo tra i suoi iscritti generali, imprenditori, giornalisti, dirigenti pubblici, forze dell’ordine , guardia di finanza, giornali, periodici per insinuare attraverso la propaganda il disprezzo della politica nell’animo della massa. Inserendosi tra le pieghe delle anomalie che sono insite nella democrazia, che non è perfetta ed è aperta a tutti quindi anche ai ladri, gli opportunisti ed i malavitosi, lavorava di fino nelle teste del popolino allontanandolo sempre di più dal senso dello Stato, dell’appartenenza e della coesione sociale. Il fatto che la P2 avesse corrotto anche qualche sindacalista la diceva tutta sulla strategia dello sfascio alla quale puntava.
Erano anni in cui se il sindacato dichiarava uno sciopero riusciva, si riempivano le piazze ed il sindacato aveva un ruolo determinante quindi, come aveva insegnato Pasolini, si sono infiltrati nel sindacato per creare il malcontento tra i lavoratori, la propaganda utile alla metastasi che la P2 voleva iniettare nel tessuto sociale, nei lavoratori, nella massa che portasse al disprezzo del sindacato  e della politica.
Perchè ho citato Pasolini? Per un semplice motivo e per il fatto che era un genio, infatti collaborò con il settimanale Tempo e con il Corriere della sera per portare le sue idee dentro le case dei conservatori italiani, se avesse scritto solo nei giornali di sinistra non l’avrebbero mai letto, fu così che grazie a Pasolini i figli dei borghesi poterono farsi una coscienza di massa, essere di sinistra, sentirsi parte di un tessuto sociale che andava oltre la loro classe di appartenenza.
La P2, per conquistare il potere attraverso i suoi uomini, aveva bisogno  della disgregazione del tessuto sociale e della politica, che la massa fosse delusa ed umiliata al punto tale da allontanarsi dalla partecipazione, dal controllo e fosse guidata inconsciamente alla ricerca dell’uomo forte, onesto, che avrebbe risolto i problemi per lei.
Una cosa giusta divenne l’occasione migliore per i nemici della democrazia per la conquista del potere.
Fu così che il più piduista di tutti, l’imprenditore più delinquente che la Repubblica italiana abbia mai avuto, scese in campo per difendere la democrazia, la libertà, e gli italiani dal comunismo imperante.. Silvio Berlusconi.
Il serbatoio elettorale della Democrazia Cristiana fece il resto, fornì la materia prima per costruire il palazzo del potere che governa ancora oggi:
La DC era il partito di maggioranza, se togliamo i dirigenti illuminati come Moro, Zaccagnini, Martinazzoli e qualche altro il resto era una banda di opportunisti, ex fascisti, qualunquisti allo stato puro, il cemento migliore della P2.
I suoi elettori erano formati da gente in buona fede, che in questo caso non servivano alla causa, da anticomunisti viscerali  indottrinati da decenni di messe e prediche contro il diavolo, da amanti del quieto vivere e quindi stavano sempre nel mezzo lontano dalle correnti d’aria, esterne e da quelle politiche interne. C’erano gli ex fascisti, che per indole avrebbe comunque votato sempre chi stà al comando in quel momento, c’erano i qualunquisti del sono tutti uguali che per non avere fastidi tanto vale che votiamo quelli che ci sono, c’erano gli opportunisti, i bottegai dalla denuncia dei redditi anemica che non venivano disturbati da nessuno per decenni, intanto compravano immobili e mandavano i figli all’università. C’era la massa anonima della brava gente che non manifestam non protesta, non si ribella ma, se è il caso, diventa fascista e razzista.
Questi non vedevano l’ora di affidarsi ad un uomo onesto e forte, tra l’altro un grande imprenditore e che lo sia diventato con la corruzione, l’evasione, intrallazzi oscuri, era marginale. Egli era il nuovo volto della politica.
Poi c’era la lega che da anni faceva propaganda contro le tasse, i parassiti meridionali, i terroni che non fanno niente e li dobbiamo mantenere noi. Quelli che andavano in Parlamento con il cappio chiedendo giustizia e la galera per tutti quelli che facevano parte di Roma ladrona, quelli che basta con i terroni liberiamo la padania.
Peccato che la maggioranza di questi personaggi che si ribellavano allo Stato, che odiavano, ed odiano, le tasse di Roma ladrona lavorassero in nero, piastrellisti, muratori, cottimisti, bottegai vari, che o non facevano la denuncia dei redditi o la presentavano pelle ed ossa mentre si costruivano le villa ed aumentavano il conto in banca.
Poi arrivò l’uomo giusto, l’uomo forte, colui che rappresentava la Giustizia e lo Stato nel senso migliore del termine, Antonio Di Pietro.
Corteggiato dalla destra per il suo valore mediatico e corteggiato dalla sinistra per lo stesso motivo.
Fu così che un “poliziotto” di destra si trovò nella giostra a girara a 360° gradi, in meno di 24 ore è capace di dire una cosa e l’esatto contrario, di un populismo esasperato ed opportunista che ha conquistato anche certi di sinistra, sempre oltre le righe nel bene e nel male per distinguersi dal marasma generale.
Poi c’è sempre la propaganda  della P2 che insiste sul tasto del “sono tutti uguali” e non fa distinzione tra uno che ruba per sè ed un partito che ruba per statuto, per sistema, l’importante è far passare il messaggio che uno vale l’altro e quindi le opzioni sono due.
La prima, la migliore per il sistema piduista e non, è non andare a votare, astenersi, tanto è tutto uno schifo ed infatti è il primo partito in Italia. Il più forte contro il potere costituito ed inconsapevolmente il pilastro dello stesso, il palo centrale più alto che sostiene il tendone del circo politico e mediatico.
E l’altra è che, dato che sono tutti uguali, tanto vale tenere questi almeno li conosciamo.
Con la crisi è emerso in tutta evidenza chi fa politica per opportunismo ed interessi personali come la lega, chi la fa per megalomania e voglia di protagonismo come Di Pietro, chi porta avanti il disegno di Gelli proponendo  di cambiare le regole per combattere lo schifo attuale ed invece propone un regime, che se non è il fascismo è il suo fratello gemello.
Ci sono i movimenti di opinione 5 Stelle, Popolo viola, Indignati e così via. Il Movimento 5 stelle è più antipolico e liberista di chi ha inventato il liberismo, Ronald reagan.
Il Movimento viola e quello delle donne sono i migliori ma si devono strutturare perch’, senza una organizzazione, non si andrà da nessuna parte.
Gli Indignados Italia è il movimento più invaso dai fascisti, nazisti, populisti, e puntatori allo sfascio totale che sia mai stato inventato.
Si sono talmente infiltrati nel movimento che non si capisce più perchè e contro chi siano indignati, hanno alzato un polverone che impedisce di vederne l’uscita da tanta indignazione.
In Spagna, in Grecia, gli indignati sanno cosa vogliono, vanno contro il capitalismo finanziario e parassita e chiedono una redistribuzione della ricchezza in modo più equo.
L’unico problema è che non sanno che certe cose le aveva scritte Marx più di 100 anni fa.
Non ho parlato dei socialisti e dei comunisti, i socialisti fanno parte del sistema, i comunisti sono ancora e sempre minoranza e divisi, vanno bene come spauracchio da agitare per la destra ma purtroppo sempre minoranza, qualcuno era comunista e ne va ancora fiero ed io lo sono, non rinnego niente.
Qualcun altro si è pentito talmente tanto, si è talmente stancato di essere un perdente da diventare leghista per sentirsi vincitore.
Il voto della Camera di ieri su Cosentino, largamente prevedibile nonostante Maroni si fosse espresso per il si, è lo specchio migliore dello schifo della politica attuale, non di tutta, della maggioranza.
Tra l’altro ha confermato che per i bossiani, per Bossi, è ancora più conveniente investire ad Arcore che in tanzania. 

 

Annunci

9 Risposte

  1. preciso come sempre, bravo Natalino. Su una cosa non sono d’accordo,il comunismo che mi avevano insegnato alle frattocchie e a faggeto lario per il quale mi ero innamorato disperatamente ho scoperto essere sucessivamente tutta una messa in scena. Anchio non rinnego nulla e ho cinquanta tessere di appartenenza convinta, sono sicuramente di sinistra ma non sono più comunista, mi ricorda troppe bugie.

    • Il progetto era giusto, qualche architetto è andato fuori dalle righe, ma il principio è sano. La politica deve governare l’economia e non viceversa.

  2. sono d’accordo anche questa volta

    • @ Per Nat e Giulio. Tu,Nat, hai scritto non un articolo ma un trattato di psicologia politica. Sei stato moto bravo a sintetizzare con le inevitabili omissioni. Ad esempio, non possiamo dimenticare che la corruzione e le ruberia sono esistite molto prima di Craxi e di tangentopoli quando IMPERAVA la DC dei “FORCHETTONI” ed i partiti satelliti Liberali, Repubblicani e Socialdemocratici soprattutto, vivevano perchè al soldo della DC. Non raccontiamo nemmeno la favoletta che c’era chi rubava solo per il partito e chi solo per se stesso. E’ una distinzione inconcepibile: chi ruba è un ladro! E anche chi rubava per il partito rubava anche per se stesso. Mia nonna diceva che “chi va al mulino si infarina”; un po’ di farina resta addosso anche a te!
      Un’altra cosa sulla quale dovremmo concordare è IN NESSUNA PARTE DEL MONDO SI E’ MAI REALIZZATO IL VERO COMUNISMO, c’è sempre stato qualcuno in tutti gli Stati dove si è cercato di realizzarlo che ha piegato la filosofia di Marx, questo era, ai propri intendimenti o ai propri interessi immediati (vedi, ad esempio, il Concordato nell’art. 7 della Costituzione Italiana) o alle proprie aspettative future. Il Comunismo, così, non si realizzò, nè in Russia, nè in Cina, nè a Cuba e nemmeno in Vietnam, che fu una pagina a parte. Men che meno in Italia dove i più importanti tra i padri fondatori non avevano alcun legame di sangue con il proletariato. Non per niente DiVittorio scelse o accettò di buon grado il sindacato e, contrariamente a quello che si crede o si favoleggia, cercava di imporre la “Linea” politica al PCI e non viceversa.
      Credo che i giovani d’oggi non scapperebbero dalla politica se noi riuscissimo a coinvolgerli in una seria autocritica su quello che, a parte la Resistenza,fulgida pagina della nostra storia, sia stata da subito la politica italiana da sdradicare insieme ai 4/5 di chi, attraverso le cooptazioni, continua a rappresentarla. A 77 anni non ho ancora molto tempo per dire o ribadire queste cose. Ma voi, rispetto a me, siete ancora in grado di farlo, vi auguro, ancora per molti anni A te, Nat, l’ho già detto un’altra volta.
      Ciao, Nat, Ciao Giulio.

      • Sono d’accordo sull’autocritica, la disamina è stata veloce perchè un post troppo lungo non lo legge nessuno, ho messi in evidenza l’essenziale.
        La cosa difficile è discutere con chi, a priori, rifiuta la politica perchè è cresciuto nell’anti politica.
        qualche lampadina accesa c’è tra i giovani ma recuperare gli ultimi trent’anni di oblio, individualismo e caccia all’interesse individuale è dura.
        Basterebbe ascoltare Augias verso l’una per capire in pochi minuti un sacco di cose, ma i ragazzi sono ancora a scuola. Lui, intelligentemente, ospita ogni giorno una classe di liceali in studio.
        Almeno quelli potranno riflettere.
        Ciao a tutti.

  3. Pienamente d’accordo, con una sola aggiunta, un parere personale: una delle scoperte sotto Tangentopoli fu quella che alcuni partiti del pentapartito erano solo dependances della DC, un po’ come la lega è in realtà il giardino di villa B. dove portare a pisciare i cani.

  4. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: