Non ho mai visto un Bot. Bond, per me, era l’agente 007 interpretato da da Sean Connery. Ho sempre vissuto di stipendio e di mutuo.


In tutte le prime pagine dei giornali ci sono, a caratteri cubitali, notizie sulle Borse, spread, rendimenti, miliardi di euro bruciati dalla speculazione e notizie di un ottimismo tale da spingere al suicidio di massa.
Non so se siamo, saremo, talmente poveri da tornare a vivere come negli anni quaranta con il mercato nero delle uova e del pane.
Se butto un occhio alla mia via ci sono tante Mercedes, Bmw, Audi, Suv che sembra di essere a Montecarlo ed ho la netta impressione che i potenti dell’economia e della politica ci stiano prendendo per il culo.
Le vere notizie importanti, per me, sono quelle che qualche giornale mette in prima pagina, generalmente in piccolo, altri a pagina otto nella cronaca locale e mi riferisco al fatto che l’altro giorno sono morti sette lavoratori �e ieri tre.
Se aggiungiamo i morti da alluvioni, frane, smottamenti dovuti al degrado dell’ambiente voluto dall’uomo, secondo me, dovrebbero riempire le prime otto pagine di tutti i quotidiani.
Che fine hanno fatto gli occupanti dell’Asinara? Che fine faranno gli ex dipendenti Fiat di termini Imerese?
Vi dico francamente che non sono interessato per niente alla tempesta dei mercati, alle eventuali perdite degli speculatori parassiti che sono gli investitori.
Se fossi il Barroso proporrei una svalutazione di massa dei titoli di Stato che sono nel mirino della speculazione della finanza parassita.
A chiunque abbia investito per speculare pi� di 100.000 euro, cercando di assassinare l’economia degli Stati in difficolt�, manderei una bella lettera: i tuoi titoli, che hai comprato per l’esosit� della tua gola profonda nonostante tu abbia la pancia piena, da oggi valgono il 40% di quello che hai investito per fare il parassita.
Se non ti sta bene sappi che non ti restitueremo un euro cos� impari �a cercare profitti sulla miseria e le disgrazie degli altri.
Se arrivassimo al punto che famiglie e pensionati non riuscissero a sopravvivere, gi� ci sono le prime avvisaglie ma sono ancora in pochi, dovremmo dare l’assalto alle banche, supermercati, politici, banchieri e finanzieri.
A � partire dai giovani, ai quali viene negato un futuro, dovremo iniziare la caccia ai banditi della politica e della finanza che ad ogni incontro nazionale o internazionale con le loro auto blu, da 100.000 euro l’una, tra una stretta di mano, saluti alla folla e sorrisi, risate direi, a 36 denti ci dicono che andiamo verso la rovina.
Andiamo chi, visto che i politici che escono dai palazzi sghignazzano, i banchieri che escono dai consigli di amministrazione pure, l’alta finanza parassita ed anonima sverna nelle loro ville sparse nel mondo a seconda delle stagioni e delle passioni, mare se amano i bagni o montagna se amano sciare, mentre i loro galoppini a Wall Street , Milano, Londra, Madrid, Francoforte ecc.ecc. sono al pc per far rendere ancora di pi� i loro sporchi investimenti ed i loro commercialisti sono impegnati 24 ore al giorno per far sparire in modo legale, perchè esistono modi legali per rendere fantasmi gli utili, oltre a quelli illegali per sfuggire al fisco di tutto il mondo.
Ne hanno sempre di più, se ne fregano di tutti e sono solo impegnati a colpire con le loro speculazioni dove c’è il più debole ed i profitti più alti.
Ci vuole l’esproprio proletario della ricchezza, se aspettiamo che questi ci lascino le briciole e che la politica li condizioni costringendoli a pagare il dovuto al fisco passano altri trecento anni di capitalismo avanzato, di mercato libero, di parassitismo economico e di democrazia da regime finanziario.
Democrazia e politica sono espropriate alla massa, per la massa non esiste n� l’una n� l’altra ed allora dobbiamo stanarli uno per uno.
A chi evade il fisco va sequestrato tutto come si fa con i mafiosi, facciamo come in Argentina alla fine degli anni novanta, diamo l’assalto alle banche, ai supermercati ed alle ville dei parassiti che ci stanno costringendo in questa situazione.
Non pu�, non deve esserci pace sociale senza giustizia sociale.
Non � morale, etico,umano , sopportabile, � ora che chi non ha mai pagato accumulando ricchezze esagerate paghi per tutti noi.
Non bastano le prediche del Papa contro il cancro del capitalismo si deve intervenire, drasticamente, per estirparlo con il bisturi, un coltello, un bazoka.
E’ ora di finirla e se, per adesso, il mio vi sembra un discorso assurdo abbiate pazienza che tra poco ci sar� la rivoluzione della fame, la rivolta della miseria, la ribellione di chi non ha un futuro.
Forse � presto ma se non invertono la rotta andranno stanati uno per uno e, questa volta a differenza del 1945, non dovremo avere pietà di nessuno, anche se daremo un dispiacere a Pansa ed a tutti i revisionisti come lui che ci hanno riportato i regimi economico-fascisti che non sono più tollerabili.
Io la vedo così e non ne posso più di questi discorsi, di questi teatrini.
Se la situazione è così disperata che cazzo hanno da ridere la Merkel, Sarkozy, Monti, Barroso e tutti gli altri fuori di testa che governano il mondo?
La certezza che non andremo a prenderli in villa?
Occhio che la svalutazione ne ammazza pi� della rivoluzione, hanno procurato pi� miseria le vendite allo scoperto che le chiusure delle fabbriche.
Adesso le hanno proibite per i debiti di Stato, le vendite allo scoperto, ma per trent’anni hanno reso i miliardari, parassiti, sempre più ricchi e le banche sempre più grasse, non paghiamo le loro speculazioni, rendiamole carta straccia.
Più Stato e meno mercato.

Annunci

5 Risposte

  1. […] anni quaranta con il mercato nero delle uova e del pane. Se… Continua a leggere la notizia: Non ho mai visto un Bot. Bond, per me, era l’agente 007 interpretato da da Sean Connery. Ho se… Fonte: […]

  2. Oggi wordpress.com ha le fregole.

  3. Per me sbagli a non preoccuparti (inteso come cittadino). Sto toccando con mano i primi sintomi del malessere finanziario, che si tramuta in liquidità mancante, insoluti a raffica e banche sempre meno disposte a fare fidi.
    In questo periodo i tecnici commerciali miei colleghi avevano qualche decina di preventivi di impianti (irrigazione agricola) a testa, quest’anno ne hanno una decina in 4. Nessuno investe più, un settore primario dell’economia nazionale come l’agricoltura (l’unico che ha “tenuto” da tre anni ad oggi) penalizzato e disincentivato. I prodotti non sono pagati dai commercianti che lamentano mancati pagamenti o merce invenduta (stiamo parlando di alimentari di prima necessità e non di cazzate motorizzate a quattro ruote motrici).

    La vedo grigia e dei bond, cct, btp e stronzate varie me ne frega quel tanto che non mettano in crisi l’intero sistema del cazzo, che quattro speculatori senza alcuna regola sfruttano liberamente, alla mia e tua faccia.

    • Sono preoccupatissimo, la situazione la vivo molto da vicino ed ho un figlio a P.I. che non ha nessuna garanzia, provoco, stimolo e credo che tra poco saremo alle rivolte come in Grecia e da qualche altra parte, vedi il nord Africa.

  4. […] grasse, non paghiamo le loro speculazioni, rendiamole carta straccia. Più Stato e meno mercato.https://slasch16.wordpress.com/2011/11/26/non-ho-mai-visto-un-bot-bond-per-me-era-lagente-007-interpr…  0 CommentiPuoi essere il primo a lasciare un commento.Lascia un commento Fare clic per […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: