Posso capire l’acidità della destra in merito al governo Monti, non capisco l’ironia della sinistra per il fatto che al governo fasciopiduista-nazileghsita preferisca quello di Monti.


Come la penso politicamente è sin troppo evidente da quello che scrivo, e che ho scritto nel blog precedente su Splinder.
Pubblico quello che scrivo in diversi siti e forum oltre a qualche aggregatore di notizie  per comodità, fa tutto in automatico.
Quello che scrivo qui compare anche su Facebook e su OK notizie ed ho ricevuto commenti ironici da compagni di idee e di cammino come se fossi improvvisamente rincoglionito e vedessi Monti come il Che Guevara della politica o dell’economia italiana.
E’ evidente che qualcuno non ha capito e non si rende conto che da tempo l’economia prevarica la politica ed è questo che io considero il cancro mondiale.
Non voglio ripetermi sulla mia posizione in merito, quante volte ho lanciato questo tipo di allarme nell’indifferenza generale ma, non essendo obbligatorio leggere il mio blog tutti i giorni qualcuno ha preso la vacca per le balle e si è fatto un’idea sbagliata in merito alle mie valutazioni sul governo Monti e sulla situazione mondiale.
In sintesi, l’Italia, tolta la parentesi della Resistenza, è sempre stato un paese conservatore governato dalla borghesia capitalistica e da una politica conservatrice di supporto e quello che abbiamo conquistato, come lavoratori, è arrivato con i sacrifici e le lotte che abbiamo fatto insieme al sindacato ed alla sinistra storica, PCI, un braccio di ferro che è durato dal 1945 ai primi anni 80.
E’ indubbio che esiste una destra onesta, sana, che io non condividerò mai per ovvie ragioni ma, è altrettanto certo, che esiste una destra fasciopiduista alleata con i nazileghisti e guidata da un bandito che, fortunatamente, è stato costretto alle dimissioni.
E’ ovvio che io, mantenendo fermi tutti i miei principi di sinistra, preferisco ovviamente avere a che fare con una destra alla Monti, schierata con il capitalismo liberista ed il parassitismo delle banche  che con una destra ugualmente speculatrice e parassitaria ma che non si limita a questo, attacca la democrazia, le istituzioni e la nostra Costituzione.
Detto questo il braccio di ferro continua, sempre che la maggioranza degli italiani non si confermi come nei 70 anni precedenti e cioè conservatrice e potrebbe portare a qualche cambiamento.
Gli indignati, i precari, i disoccupati i figli della crisi del capitalismo globale libertario e parassita e governato dai mercati arrivano adesso a chiedere una redistribuzione del reddito e delle imposte più equa e sostenibile dalla massa che, sino a prova contraria e per quanto strano sembri, è quella che dovrebbe determinare il mercato se non fosse vittima della pubblicità.
Pasolini l’ha detto oltre 40 anni fa: non abbiamo valore in quanto persone, con diritti e doveri, ma in quanto consumatori, più consumi e più sei compatibile ed importante per il capitalismo sfruttatore e parassita.
Questo è il punto ed il fatto che io sia più propenso a confrontarmi con un governo Monti che con quello della P2 ha solo le ragioni della democrazia e della Costituzione.Diceva una vecchia canzone di Francesco Guccini di tanti anni fa: bisogna saper scegliere in tempo, non arrivarci per contrarietà.
Io ho scelto molti anni fa da che parte stare mi pare che gli Indignati, con tutto il rispetto e la solidarietà che meritano, ci siano arrivati per contrarietà.
Nessuna firma in bianco, nessun entusiasmo mal riposto anche perchè è un governo di bigotti che licenza ma si fa il segno della croce, confido però che sia un ritorno alla democrazia, una sconfitta della P2 e dovremo stare attenti e vigili perche se prima il flauto magico lo suonava il bandito, direi bene visto che ci ha marciato per 18 anni, adesso lo suoneranno tutti i giornali che si spacciano per liberi ed indipendenti.
E’ solo l’inizio, è tutto da valutare, di positivo c’è solo questo, per adesso, che le ministre non sono state nominate in base alle loro prestazioni sessuali e che Monti non avrà bisogno di leggi speciali per sfuggire alla giustizia.
Spero di essere stato chiaro, non mi è andato di volta il cervello, mi attengo ai fatti e cerco di essere pragmatico.
Quando la massa sarà pronta per la rivoluzione ci sarò anch’io ma fate presto perchè ho 63 anni, per adesso mi accontento della democrazia e vigilo perchè il nuovo governo rispetti la Costituzione.
Ieri, durante il giuramento dei ministri, non ho visto nessuno con il fazzoletto verde, le braghe corte e la giacca arancione, spergiurare sulla nostra Costituzione, pulirsi il culo con il tricolore e fare il dito medio alla nostra Costituzione.
Comunque la pensiate, per me, è già un passo in avanti.
La foto che ho messo in alto a sinistra è solo un auspicio ed un augurio perchè, da decenni nel mondo salvo rare eccezioni, è l’economia che comanda ed i governi obbediscono.
Non l’ho scoperto con il governo Monti, l’ho scoperto a 18 anni ed è la maggioranza del popolino, in Italia ed altrove, che ancora non se ne rende conto o lo accetta passivamente.La vera politica è quella che condiziona, detta le regole, mette le imposte e governa nell’interesse della massa e non delle multinazionali o dei parassiti borghesi dediti alla speculazione e, se cadiamo nella propaganda populista contro la politica sana, facciamo solo il gioco del capitalismo parassita globalizzato.
Per me è così, voi fatevi pure delle risate, sono il sale della vita. 

Annunci

7 Risposte

  1. molti hanno la testa tra le nuvole, anzichè i piedi per terra. Vuoi mettere come è più comodo fare sempre le vittime e protestare invece che essere un pochino più realisti? Ciao, da Mg.

  2. Credo che il tuo punto di vista, che è anche il mio, possa destare meraviglia o risatine ironiche solo in chi non la capacità o le informazioni utili a comprendere sia la situazione tragica in cui si trova l’Italia e sia la differenza fondamentale anche nelle capacità umane e professionali degli uomini che formano questa squadra di governo rispetto a quella del governo precedente formata prevalentemente da persone inaffidabili, affaristi, contigui alla o alle mafie, delinquenti più o meno abituali o amici e compari di delinquenti.
    E’ del tutto evidente che non modificheremo il nostro punto di vista su quale politica sia necessaria per avere uno Stato in cui la democrazia, la libertà , la giustizia sociale e l’attuazione piena della Costituzione siano il faro di riferimento.
    Certo il governo Monti non è un governo di sinistra. E’ sicuramente un governo di destra. Ma noi sappiamo, lo ha scritto persino Montanelli, riferendosi al presidente del consiglio USCITO, che c’è una destra affidabile ed una, come quella che ci ha governato, impresentabile. Nella quale, non possiamo ignorarlo, erano presenti nuovi e vetero fascisti, piduisti di carriera, ed i nazisti razzisti della lega!
    Con chi non riesce a cogliere questi aspetti, credo sia del tutto inutile parlare sia di politica che di economia.
    Ciao, compagno!

    • Cordialdo, forse mi sto incazzando per niente, ma troppi fanno gli intellettuali di sinistra sradicati totalmente dalla realtà.
      Se la conosci la eviti o cerchi almeno di cambiarla.
      Sembra che siamo tutti rincoglioniti.
      Ciao.

  3. […] Facebook e su OK notizie ed ho ricevuto commenti ironici da… Continua a leggere la notizia: Posso capire l’acidità della destra in merito al governo Monti, non capisco l’ironia de… Fonte: […]

  4. Bravssimo e lucido.
    Complimenti e anche coraggioso.
    Ci voleva il coraggio delle idee..
    Continua così.
    Saluti

  5. Ecco quello che mi spaventa di più del PDL che tutta una fascia di società italiana si “nascondeva” dietro la faccia da clown di Berlusconi.
    Il prob non è il clown e la maschera ma chi si nasconde dietro (oltre a Berlusconi).
    C’è un’altra società però che non si riconosce in tutto ciò. E questa fetta di società è sia di destra che di sinistra. Semplicemente vuole vedere al realtà per affrontarla come dici tu.
    O perlomeno si è stufata di vedere le cose con gli occhiali del clown…
    La cosa che mi spaventa di più è che quella fetta di società non svanisce con Berlusconi, ma è sempre la’.

    Il governo Monti non è questa fetta di società, anche se è tendenzialmente di destra storica. Certe volte mi chiedo se ci assuefacciamo ad un pensiero rigido perchè non abbiamo voglia di prenderci le nostre responsabilità e quindi ci immergiamo in una corrente politica per scaricare sulla massa della corrente politica le nostre scelte. Quindi i tuoi ragionamenti li apprezzo ancora di più.
    Buona scrittura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: