Renzi si è perso, aiutiamolo a ritrovare la strada di casa, la sua non la nostra. Bersani lo devi buttare fuori,subito e ti spiego il perchè.


Non riesco a capacitarmi come Matteo Renzi sia finito nel Pd avrà anche vinto le  primarie ma allora si deve rivedere il sistema.
Non è possibile aprire le primarie a cani e porci e poi trovarci un paladino del liberismo sfrenato e delle privatizzazioni come vincitore grazie alle parrocchie che lo sostengono.
E’ un cavallo di Troia nel cortile del Pd che combatte per il nemico e non mi riferisco alla rottamazione dei vecchi dirigenti bolliti o degli abbonati alle liste elettorali de Pd ma  a qualcosa di più grave e concreto della visibilità che si è guadagnato a destra e che lo fa sembrare più importante di quello che è.
Renzi con il centrosinistra non ha niente a che fare, nè storicamente, nè politicamente basti pensare all’economista che ha invitato alla Leopolda, un liberista estremo collaboratore del Sole 24 ore professore di economia che è riuscito a farsi dare una medaglia persino da Sarah Palin, che tutti sappiamo chi sia.
Così ha definito Luigi Zingales, l’economista in questione, Sarah Palin: L’economista che ha fatto di più per difendere il libero mercato.
Detto dalla Palin fa venire i brividi ed il fatto che Matteo Renzi l’abbia invitato alla Leopolda la dice lunga sul pensiero politico economico dell’ambizioso sindaco di Firenze.
Ecco il pensiero di Luigi Zingales: In Italia bisogna privatizzare perchè non ci sono più soldi, o preferite ancora nuove tasse?
Rispondo subito a questo imbecille professore a Chicago e gli cago sopra, gli rispondo con una dichiarazione di Berlusconi in persona:
Berlusconi: «la ricchezza delle famiglie è un multiplo del debito» 

Il problema è, caro economista, che queste famiglie sono quelle che non pagano mai, è vero che non ci sono più soldi ma l’osservazione è riferita ai giovani, alle famiglie, ai ceti medio bassi, ai precari, ai disoccupati, alle donne senza lavoro, ai pensionati a quelli che da sempre pagano per i privilegi delle famiglie italiane e, più precisamente, per quell’8% di famiglie italiane che detengono il 50% della ricchezza.
Io ho la terza media, può anche darsi che capisca poco ma, quel poco che vedo intorno a me e che ho visto nella mia vita di lavoratore per 43 anni, mi porta ad una considerazione assoluta, senza tema di smentite, si può essere professori, economisti, laureati e non aver capito un cazzo di economia.
L’alternativa è una sola o lei è come ho scritto sopra oppure è un fascista dell’economia, un multiplo di Reagan e di Bush messi insieme con una spruzzatina, di bazooka, dalla Palin.
Destra e sinistra sono idee dell’800, dice l’emerito professore, e questo è l’economista al quale Matteo Renzi, se gli funzionasse il cavallo di Troia e fosse candidato per il centrosinistra, intenderebbe portarsi a Roma come ministro delle finanze.
Ma siamo matti?
Mi rivolgo a tutti quelli di sinistra che hanno provato un minimo di simpatia per il rottamatore-picconatore, il cossiseghino di Firenze che fa tante battute.
Te le diamo noi le battute, devi sparire dal centrosinistra, devi andare ad inquinare altrove.

Annunci

8 Risposte

  1. http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/11/03/non-si-puo-caro-renzi/168190/
    anche questo è un modo per farlo capire in giro…!

  2. […] che lo sostengono. E’ un cavallo di Troia nel cortile del… Continua a leggere la notizia: Renzi si è perso, aiutiamolo a ritrovare la strada di casa, la sua non la nostra. Bersani lo devi b… Fonte: […]

  3. Ci sono delle cose molto gravi che passano inosservati, la politica deve dare delle risposte, ad esempio:
    Può una banca non riportare il conto corrente n. 10/645629 a seguito degli accertamenti bancari disposti dal Magistrato di Ragusa?
    La Guardia di Finanza di Torino ha comunicato a San Paolo IMI la richiesta di accertamenti bancari disposta dal Magistrato il 06-04-2004 con cui chiede natura ed estremi di qualsiasi rapporto entro giorni dieci, ma San Paolo IMI non riporta il c/c n. 10/645629.
    Campo Innocenza ha lottato negli ultimi otto anni con denunce alla Magistratura, esposti ai vari Ministri e Banca d’Italia. Il Ministro Giulio Tremonti non ha mai risposto alle gravissime accuse di Innocenza Maria, mai.
    Notizie su:
    1)http://www.youtube.com/watch?v=LpoR1bnJyv8
    2)http://www.youtube.com/watch?v=wyKOrRVLIoU
    3)http://pensareliberi.com/2011/10/28/cronache-di-un-conto-corrente-bancario-scomparso-nel-nulla-e-lomerta-della-magistratura/
    4)http://pensareliberi.com/2011/10/12/puo-sparire-un-conto-corrente-bancario-con-tutti-i-nostri-risparmi/
    5)http://www.youtube.com/watch?v=HPvC_VUsSoY
    6)http://www.youtube.com/watch?v=2QIg1BY6Cdc

    Damiano Nicastro, Ragusa

  4. Legato alle liberalizzazioni c’è però il suo opposto, quello che abbiamo in Italia: un servizio pubblico con delle efficienze paurose, borboniche.

    Ho parenti e amici che lavorano nella Pubblica Amministrazione e ancora oggi, nel 2011, con questo casino che abbiamo, mi raccontano di quei loro colleghi che si imboscano in maniera scandalosa, oppure di quelli che non vogliono fare un tubo dalla mattina alla sera, quelli che hanno la 104 che permette loro di lavorare 2 giorni la settimana (per poi non fare un cazzo), quelli che si rifiutano di portare dei fogli all’ufficio distaccato, anche se passano lì per altre cose – occorre un addetto, non è un mio compito.

    Lo sai quante ne sento ogni giorno di storie così, oggi, nel 2011 con la merda che ci sta per sommergere questi ancora pensano di non fare un tubo. Schifosi che non sono altro. Io, che sono in proprio, devo prendere prestiti per pagare le tasse, per pagare questi luridi.

    C’è un comune vicino al mio che, come tutti i comuni, riceve soldi dall’Istat come contributo per il supporto al censimento. Prende 15.000 euro (quindicimila). Ebbene questo comune non spende un centesimo che è uno per comperare un pc e connettersi all’istat per digitare i dati. Gli è stato anche proposto di affittare dei vecchi computer per due o tre mesi, poche centinaia di euro. Nulla, niente. Ma allora dico io che fine fanno quei quindicimila euro, se li prendono tutti in straordinari fregandosene spensieratamente dell’efficienza ?

    questo è il pubblico, e ogni volta che ci penso mi viene in mente la strofa di Gaber: “Qualcuno era comunista perché non conosceva gli impiegati statali,parastatali e affini.”

    Cosa sono le liberalizzazioni se non una reazione a questi delinquenti, e la sinistra bisogna che trovi nel suo programma il modo di gestire correttamente queste cose, basta con il “assumiamo cani e porci”, pensiamo a far funzionare onestamente la P.A. senza queste storture pazzesche..
    E non capisco perché tu, Natalino, che hai lavorato nel privato tanti anni non senti l’ingiustizia che c’è nel mantenere vivi questi fannulloni privilegiati, anche con le tue tasse.

    • Francesco, te lo dico subito il perchè, dipende dai loro capi, sono quelli da far fuori.
      Anche nel privato ci sono i paraculi e sta al capo tagliare l’erba sotto ai loro piedi coinvolgendo anche gli altri.
      Colpire a fondo i fannulloni privilegiati ma non mortificare chi fa il suo dovere. Tra l’altro ne scoprono a decine di parassiti e le amministrazioni possono chiedere i danni e denunciarli.
      E’ solo il mio punto di vista. Nello stesso ospedale ci sono reparti efficienti e reparti da denunciare, dipende sempre dal capo che gestisce il reparto.

  5. BRAVO, mi sei piaciuto, avrai anche la terza media, ma non te li vedi proprio …e poi non dimentichiamo che Renzi ha il padre senatore e che al comune ha sistemato i suoi …

    • Su Renzi ha sbagliato il Pd e pure lui. Ha scelto la parte che gli permettesse di emergere, nell’altra ne avrebbe avuti troppi davanti, ma è stato sgamato e gli taglieremo le gambine.
      Ieri sull’Unità c’era un articolo dal titolo: L’antipolitica premia sempre i reazionari di Gianni Cuperlo.
      E’ una cosa che sostengo da decenni ma il fatto che ci sia questo intervento sull’Unità significa che hanno mangiato la foglia.
      Il suo tempo è finito nel centrosinsitra, deva cambiare stagno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: