I nostri Padri costituenti erano democratici, previdenti, giusti. Ci hanno dato una Costituzione perfetta, anche l’art. 81. Forse l’hanno conosciuto da piccolo.


 E’ vero che la nostra Costituzione è figlia della resistenza ed è nipote della liberazione ma i nostri padri costituenti, forti dell’esperienza sotto al fascismo, ci hanno dato una carta fantastica che prevede poteri separati, regole precise per salvare e proteggere la democrazia.
Se l’avessimo rispettata, come si dovrebbe, dal primo giorno della sua introduzione saremmo uno Stato avanzato, democraticamente all’avanguardia, economicamente più solido ed equo anche in materia  fiscale.
I Padri costituenti hanno previsto ed immaginato tutti gli scenari possibili che avrebbero potuto attentare alla democrazia ed hanno predisposto pesi e contrappesi, poteri esecutivi e poteri politici e le varie fasi di controllo pur salvando l’indipendenza degli stessi.
Non potevano prevedere che un giorno sarebbe nata Gladio o la P2, ma hanno fatto in modo che la nostra giovane Repubblica avesse gli strumenti per difendersi.
E’ fatta così bene che mi viene quasi il dubbio che l’abbiano incontrato da piccolo, e che il loro intuito abbia compreso che sarebbe diventato un piccolo grande delinquente.
Evasore, corruttore, intrallazzatore,conoscente di mafiosi ospitati come stallieri nella sua villa, attentatore della giustizia e della Costituzione ed infine puttaniere,pedofilo, le ultime due politicamente irrilevanti se non fosse diventato presidente del consiglio della nostra Repubblica.
Complimenti a tutti loro, a quelli di destra, di centro e di sinistra che hanno partecipato alla stesura della Carta da parte di uno che ha potuto passare la sua vita in un paese, nonostante i tentativi di colpi di Stato, terrorismo e la P2, in un Paese democratico.
Grazie, grazie di cuore.
Guardate che sono uno, che sin dai primi anni ottanta, ha capito che il tipo era spregiudicato negli affari, uno spudorato senza limiti che ha usato tutti i mezzi legali ed illegali, come la corruzione , le mazzette, l’evasione, per arricchirsi sempre di più senza rispettare le regole e la legge per arrivare ai suoi obiettivi.
Alludo al piduista con la tessera 1816 che attualmente, a tempo perso come dice lui, fa il presidente del consiglio grazie alla connivenza, per alcuni, ed alla stupidità per gli altri che lo hanno votato.
Berlusconi.
L’art. 81 della Costituzione prescrive di presentare ogni anno alle Camere bilancio e rendiconto, un obbligo che mette in evidenza la rilevanza di quell’atto ed esclude in ogni modo la possibiltà di equiparare il voto di ieri a quello su una qualsiasi altra legge.
Si deve dimettere, non esistono problemi tecnici che tengano, lo dice la Costituzione. 

Annunci

2 Risposte

  1. Purtroppo c’è capitato nella storia della Repubblica, un Presidente del Consiglio affarista, spregiudicato che fa quello che vuole.
    Condivido in pieno quello che hai postato, ho appena scritto anch’io una riflessione sul mio blog, se vuoi dargli una letta e lasciare quello che ne pensi. Comunque hai ragione nel tuo post. Purtroppo ho paura che siamo in pochi ad ave capito l’andazzo delle cose, troppe persone dormono: sarà dura per tutti: dobbiamo democraticamente reagire.
    ——
    Saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: