Caprotti, amico della prima ora di Berlusconi è stato condannato. Sconfitto dalla Coop. Ed il ruolo del Corriere della Sera.


Caprotti è il proprietario di Esselunga, una delle catene di supermercati più potenti in Italia, e nel 2007 fece scrivere un libro, Falce e carrello, per diffamare con invenzioni fantasiose la Coop.
Non ricordo se lo diede in regalo ai clienti o se lo propose a prezzo modico per espandere la diffamazione.
la questione è secondaria per un fascista che impone orari da sfruttamento ed impedisce alle cassiere di fare una pausa per andare al bagno.
Il tipo si è già sputtanato da parecchio con il suo sostegno al delinquente che ci governa, degno compare di mentalità ed etica.
Ora ha ricevuto la condanna e l’imposizione del tribunale che ne ha ordinato il ritiro.
Non so quante copie del vangelo secondo Caprotti ne siano state vendute ma penso che il ritiro del libro avvenga con facilità, saranno ancora nei magazzini per mancanza di interesse.
Ma è nelle piccole cose della cronaca che trovi i segnali di convivenze molto più inquietanti ed importanti nel rapporto tra l’informazione ed il regime.
Da diverso tempo ho notato un atteggiamento nel Corriere della Sera, il giornale più letto in Italia o il secondo dietro a Repubblica, ad ogni modo il Corriere non è libero o il giornale di Sallusti, è un giornale che fa opinione di massa ed ultimamente sembra tornato il Corriere dei tempi di Di Bella, il direttore degli anni settanta iscritto alla P2.
L’atteggiamento che ha assunto contro la nuova giunta di Milano, gli articoli di fondo che finiscono sempre per dare una mano al governo, specialmente sui temi dei diritti dei lavoratori.
Insomma se libero ed il giornale con le loro sparate lasciano il tempo che trovano il Corriere viaggia sotto traccia ma appoggia il sistema ed è una caratteristica che ha conservato nella sua vita ultracentenaria.
Fascista con i fascisti, democristiano con i democristiani, piduista con la P2 e berlusconista con Berlusconi, il tutto sotto traccia.
Però una piccola traccia si trova sempre, come le lumache anche loro lasciano una piccola scia e se arrivi in tempo non è ancora asciugata del tutto, la si nota.
Come il libro del fascista Caprotti, ad esempio, che oggi troviamo, con mio sommo piacere, tra i condannati.
Alla presentazione di questo libro, che avrebbe meritato il Cmpiello della menzogna e della diffamazione, guarda caso era presente alla presentazione Ferruccio De Bortoli, l’autore e naturalmente Caprotti.
Ferruccio De Bortoli è il direttore del Corriere della Sera che si spaccia per democratico ed indipendente.
Al servizio del potente di turno, se poi è la P2 ci mettono pure un velo di nostalgia che rende il tutto più assimilabile, come la plastica biodegradabile che si scioglie nel tempo ma intanto il suo lavoro l’ha fatto.
Il Corriere ha alimentato i cervelli, il sacchetto biodegradabile ha riempito lo stomaco.
Senza dubbio il Corriere è più tossico,deleterio.

Annunci

2 Risposte

  1. Polanco dalle cene di Arcore a Milan Channel “Ma non sono raccomandata dal premier”

    La presunta leader delle Olgettine diventa conduttrice nella tv rossonera. “Mi piacerebbe fare la consigliera regionale” ha rivelato a Telelombardia, dove ha raccontato il suo ritorno ad Arcore avvenuto due settimane fa

    Marystell Garcia Polanco, una delle Papi Girls
    Marysthell Polanco non demorde. In un’intervista ad Iceberg, il talk show di Telelombardia, l’ex modella dominicana, che secondo i pm di Milano era una delle escort che animavano il bunga bunga di Berlusconi a Villa San Martino, ha svelato i suoi sogni, gli sviluppi della sua carriera e il ritorno ad Arcore. Sì, perché la ragazza ha dichiarato che due settimane fa è andata a trovare il premier con il suo fidanzato (evidentemente quello nuovo, visto che il suo ex, Emilio, è stato condannato a otto anni per narcotraffico).

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/16/polanco-vado-a-milan-channel/157893/

    Solo per conoscenza dal fatto quotidiano…
    Al peggio non c’è mai fine..

    • Forse l’hai messo nel post sbagliato, questo l’ha commentato il solito idiota che invece di entrare nel merito della condanna ha scritto le solite cazzate che ripete da anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: