Marysthell Polanco, la Susanna Camusso di Via Orgettina. Bonanni e Angeletti sono di supporto la Mary no, è contro.


545431731Il 26 ottobre 2010 è successo di tutto a Villa S. Martino e non erano festini questa volta, è arrivata la notizia che tutta la storia è sul web. Scoperchiata la pentola e finita la cuccagna.
Le prime reazioni sono queste. Dal Fatto:
“Abbiamo il coltello dalla parte del manico”, prova a dire Barbara Faggioli. “Non abbiamo in mano un cazzo”, risponde Nicole Minetti: “Non lo vedremo più per un sacco di tempo”. Poi la stessa Faggioli cambia idea: “Siamo sputtanate a vita”. Non solo: le ragazze fanno chiaramente riferimento alle preoccupazioni di Silvio Berlusconi. E si regolano di conseguenza.
Passata la notte, inizia la giornata più lunga per le ragazze protagoniste dei festini del premier. Da un lato lo stupore di chi ha scoperto “da Lele” che la notizia è uscita sul Fatto Quotidiano (“Il? Che quotidiano??”). Dall’altro iniziano le rivendicazioni sindacali, con Maryshtell Polanco che si lamenta del momento economico difficile e scrive una lettera che Nicole Minetti dovrà consegnare a “lui”.

Senza neppure metterla in votazione nella commissione interna Maryshtell butta giù la lettera sindacale con le richieste da avanzare per fronteggiare la crisi che si prospetta lunga e penosa.
A giudicare da come si muovono a distanza di mesi sono state foraggiate per bene, ampiamente, pur dovendo rinunciare alle feste.
Di solito le innamorate scrivono lettere d'amore non richieste d'aumento o rivendicazioni sindacali, evidentemente era un amore a ore, da puttane.
Al di là della morale o dell'etica queste ragazze vivono fuori del mondo, non sanno nemmeno che esiste un giornale che si chiama Il Fatto e sono convinte di vivere in un mondo che sfrutta si, ma che protegge, al di fuori della legge.
Come il mondo della prostituzione, sfrutta e protegge.
La leggerezza con la quale testimoniano è frutto della consapevolezza, sbagliata, che qualsiasi cosa succeda ci penserà Papi. Loro non sanno che esistono le code, i semafori, vivono e viaggiano sulle corsie riservate, preferenziali, e niente della normalità le tocca minimamente.
Anche i tiri di coca non hanno niente a che vedere con i fine settimana dei "ragazzi di Milano", loro ragionano a chili.
Probabilmente sono state istruite per bene dagli avvocati di Papi, ovviamente nell'interesse di Papi, ma loro vedono solo i soldi, il tornaconto immediato.
L'idea che qualche falsa testimonianza, indotta, per proteggere il piduista pedofilo ed ammalato le metta nei guai non le sfiora nemmeno, attendo di vederle in tribunale a sparare cazzate con il giudice che ne ordina l'arresto immediato.
Qualche giorno a S. Vittore senza telefonate liberatorie da parte del presidente del consiglio dovrebbero rimetterle con i piedi per terra, la vita non è solo Hollywood, intesa come discoteca dei vip, e non si rendono conto che l'anello debole di tutta questa faccenda sono loro.
Saranno le prime ad essere buttate fuori dalla nave e mandate a fondo il più possibile per non farle parlare.
Qualcuna un po' più furba ha capito che l'aria non è buona, altre hanno ripreso la dolce vita a caccia di qualche milionario stordito da accalappiare, convinte che tutto passa e passerà anche questa.
Se parte il processo dovranno attraversare un campo minato e non è detto che arrivino dall'altra parte, salteranno per aria prima.
Per una volta sono d'accordo con Nicole Minetti là dove dice alla sua compagna che le ha appena detto: abbiamo noi il coltello dalla parte del manico.
Nicole, molto più realista, le risponde: Tesoro non abbiamo un cazzo noi fidati. Non abbiamo un emerito cazzo noi! Fidati, nulla.

Non è una cima, ma non è nemmeno stupida del tutto, è comunque qualche spanna più intelligente o scaltra, della Gelmini ed ha capito che le conviene stare al gioco, anche se la vedo dura, molto dura.
A proposito, qualcuno di voi ha avuto notizie della fantomatica fidanzata del Papi?
Susanna, ovvio che il paragone con la zoccola l'ho fatto solo per prenderla per il culo.
Massimo rispetto per la Camusso e la Cgil.
Qui, tutta la simpatica storiella: Il Fatto.

2 Risposte

  1. se fosse così intelligente la Minetti avrebbe capito da un pezzo che le converrebbe parlare.
    se si redime, diventa un'eroina nazionale; se continua così, verrà travolta anche lei dal crollo. ma con molti meno paracadute..

  2. E' quello che spero, per questo non la aiuto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: