Luca Telese lascia il Fatto, è l’unico che ha risposto ad un mio commento. Gli altri sono passati al setaccio, nemmeno tutti ovviamente.


Luca ha una storia di un certo tipo, che io apprezzo molto, e quando ho criticato la linea del Fatto e del suo vice direttore, che non si tocca nemmeno con un fiore altrimenti la massa insorge, è l’unico che mi ha risposto.
Certamente è più democratico di Travaglio, non ha le fregole per Grillo e si sarà sentito sotto pressione, oppure ha capito che non ne vale la pena. Meglio che la primadonna del Fatto e della tv balli da sola, come piace a lei.
Sulla prima pagina del fatto on line c’è scritto: hai qualcosa da dire? Dilla sul Fatto Quotidiano. Manca il sottotitolo: che noi te la censuriamo.
Più sotto c’è scritto: Abbonati, sostieni il Fatto Quotidiano.
Con tutti i libri che ho comprato di Travaglio, Gomez e compagnia bella dovrei avere l’abbonamento a vita.
Sono orgogliosi al Fatto, perchè non prendono finanziamenti pubblici ma ancora per poco. Se il Movimento 5 Stelle entrerà in Parlamento anche il giornale del movimento ne avrà diritto. E’ una battuta, lo specifico perchè i grillini mancano del tutto di ironia, leggerezza, ridono e capiscono solo le battute del guru.
Forse Luca farà un giornale suo e di certo io lo comprerò. Lo comprerò perchè sono contro la sfascio a 360°, perchè sono convinto che pur con i dovuti limiti non siano tutti uguali, i politici, come non siamo tutti uguali noi.
Certo che la strada sarà in salita ma Luca è una persona seria e nel suo lavoro ci mette democrazia e passione ed si fa coinvolgere come è giusto che sia dalla sue idee politiche, diciamo dalla sua cultura acquisita in famiglia.

Non che mi interessi più di tanto il futuro de Il Fatto Quotidiano ma ho una certezza, due primedonne non possono coesistere e quando il Movimento 5 Stelle andrà fuori dalle righe come è successo con Santoro, partiranno le bordate del fuoco amico:

Non è mai esistito un varietà con due primedonne, la Wanda Osiris scendeva le scale da sola, intorno aveva solo i boys. Grillo e Santoro non possono scendere dalla scala insieme, rotolerebbero.

La stessa cosa succederà fra Travaglio e Grillo, a meno che Casaleggio non metta in riga tutti e due, per lo stesso motivo che la storia d’amore con Santoro è finita miseramente, non possono esserci due primedonne.
Travaglio è un ottimo cronista giudiziario, l’unica cosa che gli faceva fare Montanelli credo, ma politicamente è un incapace, non ha mai proposto una  alternativa che non sia solamente critica disfattista alla Grillo.
Per questo al Fatto gli articoli sono sempre in favore del Movimento 5 Stelle ed anche quando sembra che siano critici è una critica subliminale atta a dimostrare che sono sempre i migliori.
Alla prova dei fatti, come avevo previsto, hanno gli stessi problemi che hanno gli altri politici, sindaci, si sa che il confronto con la realtà, i debiti che si ereditano e la complessità della gestione della cosa pubblica è molto più difficile della critica, ironica e divertente, che alla fine nei fatti  è inconcludente. Senza proposte serie ancorate alla realtà. Ad esempio non ho mai sentito uno del Movimento parlare di lavoro, occupazione.
In modo particolare mi stupisco  quando si vuole dare lezioni di democrazia agli altri e poi manca del tutto all’interno del Movimento.
Travaglio, se qualcuno si permette di fargli ombra, diventa isterico e perde il controllo, Grillo invece rifiuta del tutto il contraddittorio, se non è zuppa è pan bagnato, inzuppato nella stessa megalomania.
Personalmente, nel mio piccolo, avevo auspicato l’uscita di Telese dal Fatto lo trovavo fuori luogo in un ambiente dove si da spazio a tutti per trasformarlo in incenso per l’altare del Movimento.
Telese ha un’idea politica, democratica, non usa la penna come una ruspa per demolire tutto senza un progetto di ricostruzione, non soffre di megalomania e sa che la prova dei fatti è sempre in salita, non sta in cattedra a bacchettare gli scolari per far ridere i supporter.
Come ho già scritto 200 volte il connubio Travaglio-Grillo dura da anni e Current Tv ne era la prova, non so se l’entrata in campo di Casaleggio possa scatenare  scenate di gelosia, anche se ama stare nella retrovia, di certo quando sarà il momento di scendere la scalinata del trionfo non potranno farlo insieme, rotolerebbero come hanno fatto Santoro e Grillo.
Grillo è talmente pieno di sè che ne avrà anche per Travaglio ed allora Marco si scatenerà con la sua agenda nello spazio riservato di Servizio Pubblico, se la nuova trasmissione di Santoro non cambierà nome, e ci regalerà le sue battute anche su Grillo ed i grillini.
Per uno dalla battuta pronta, e feroce, come Marco Travaglio i grillini sono una fonte inesauribile, basti vedere come accorrono nel web per criticare chiunque si azzardi a mettere in discussione il guru, le api che accorrono nell’arnia sono niente al confronto. La loro ape regina attizza molto di più di quella delle api.
Domanda per gli appassionati del genere: se Berlusconi sta ad Alfano come il puparo sta al pupo, come sta Casaleggio a Grillo? Chi è il puparo? Io un’idea  l’avrei.

8 Risposte

  1. […] non ha le fregole per Grillo e si sarà sentito sotto… Continua a leggere la notizia: Luca Telese lascia il Fatto, è l’unico che ha risposto ad un mio commento. Gli altri sono pas… Fonte: […]

  2. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. non concordo…in questo paese è già difficile sapere i fatti , cioè chi manipola i soldi pubblici, il consenso, le vite degli altri per arricchirsi con mafie lobbies e caste…e far sapere è ancora più difficile !!!! tanto di cappello per chi fa “Politica” come Travaglio e co. con anche Grillo che bypassa la vera antipolitica di questa cricca che vive da re in Parlamento da anni senza permettere un ricambio necessario per un blocco dei clientelismi e per un pluralismo che è assente…e l’assenza di opposizione in Italia si spiega così…monopolio TV e mediatico che impedisce l’emergere degli altri, resi invisibili e quindi inesistenti alla vista del popolo, che così crede di essere solo e lasciato a sè stesso, mentre la casta si consolida con scilipotizzazioni e compravendite….

    • Sono punti di vista, non metto in dubbio i fatti, voglio capire dove si voglia andare a finire. Ma sono ottimista, peggio di csì non può andare.

  4. ma Luca Telese che da qualche anno cercava spazio e notorieta’ fino ai tempi di annozero che quando prendeva la parola pensava di essere il presentatore so tutto io ,usera i soldi pubblici per il suo giornale?hehehehh se si casca tutto il palco, se no bene vedremo quanti lo compreranno!

  5. io apprezzavo sia Travaglio che Telese.Però purtroppo siamo italiani e cioè litigiosi e egogentrici.In un paese normale le differenze dovrebbero arricchire ma in questo caso,direi come al solito,generano gelosie ,scontri sotterranei,addirittura rancori.A tutt’oggi i lettori del fatto come quelli che seguono il blog di Telese non sanno cosa sia successo tra i due,possono al massimo immaginarlo.Le due righe sul Fatto e le due righe sul blog di Telese non bastano cert:o.Per quello che mi riguarda non leggerò più il fatto e non leggerò il giornale di Telese se uscirà,Al diavolo tutti e due avete tradito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: